9 dicembre 2016

“La vie en Rose del Vittoria”, storia del teatro italiano in un quartiere, l’intervista a Viviana Toniolo

 

Prologo

Quanta passione c’è dentro la compagnia “Attori e tecnici” vista crescere, sentite le gesta, vista trionfare sulle tavole del palcoscenico. Anche noi eravamo tra quelli che negli anni ottanta, da giovani attori, mangiavano “pizze fredde e calzoni” come diceva la canzone. L’odore di quinta nei polmoni, la libertà di essere quello che si desidera. I debutti, le piazze, le quinte, la generale, il pubblico, mangiare dopo la replica e brindare assieme, urlare e far festa. Tutti gli sforzi, i sacrifici, la sofferenza fisica, gli improperi del regista, scomparivano, sotto le luci piazzate, che ci stavano addosso, materne. Quanta passione e quanta determinazione, credere in un’idea, un progetto, una creatura nuova: il Teatro Vittoria, che da cinema abbandonato diviene, step by step, un teatro, bello, potente, luccicante, pieno di drappi e di strumenti, i vecchi palchi sono nuovi, le vecchie sedie di legno sono poltrone. Il sipario si apre verso la luce, che ancora oggi, brilla. Stella di Broadway. Creatura dell’immenso Attilio e della fantastica Viviana. La storia siete voi, la storia di quelli che hanno superato i propri limiti e le avversità per essere nella storia dell’umanità: il teatro torna all’umanità e viceversa. Una sera di maggio, quando il tempo incerto, fa le bizze, e si corre, si danza sotto la pioggia.

Intervista

La bravissima Viviana Toniolo che stimiamo e apprezziamo seguiamo da sempre. Gli inizi della sua carriera.

Ho debuttato molto giovane, ho fatto l’Accademia d’Arte Drammatica di Milano. Finita, l’Accademia sono andata al Teatro Stabile di Trieste, per quattro stagioni, poi lo Stabile dell’Aquila per altre tre stagioni, allo Stabile di Bolzano con il regista Maurizio Scaparro. Ho lavorato con registi importantissimi, una stagione meravigliosa che non dimenticherò mai con Vittorio Gassman e poi ho incontrato durante uno spettacolo estivo Attilio Corsini e da lì è nato il nostro sodalizio artistico, anche il nostro grande importante rapporto nella vita: ci siamo inventati questa bellissima storia della compagnia “Attori e Tecnici” (fondata nel 1977 n.d. R.) eravamo giovani, e pensi un po’ ci lamentavamo del teatro di allora (ridiamo).Volevamo fare cose nuove, rivoluzionarie e poi alla fine, dico oggi, non è stato né facile né poco faticoso, ma con la nostra passione, il nostro entusiasmo, siamo riusciti a creare la nostra cooperativa “Attori e Tecnici” che ha avuto quasi subito molto molto successo per tutta Italia e abbiamo fatto uno spettacolo più bello dell’altro, bellissime critiche, ci chiamavano in tutta Italia: noi siamo stati quelli del “Gatto con gli stivali” di L. Tiek diretto da Attilio Corsini. Abbiamo fatto tutti i testi mai rappresentati e particolari, non solo i meravigliosi classici, tanto di cappello, vedevamo tutti i cartelloni con Molière, Shakespeare, Goldoni, Pirandello: stupivamo non solo il pubblico, con grande ironia e cultura, stupivamo i critici ci scrivevano delle cose meravigliose! Invitati in tutta Italia facevamo delle tournée che partivano a ottobre e finivano a giugno. Si faceva l’estiva e poi in ottobre si partiva in giro, si lavorava tantissimo. A un certo punto, trent’anni fa, ci siamo resi conto anni che il mercato cominciava a declinare; siccome noi eravamo una compagnia di giro, Attilio (Corsini) ebbe la grande intuizione: dobbiamo trovare una “casa”. Il lavoro stava diminuendo. Abbiamo trovato a Testaccio questo cinema in disuso, il cinema Vittorio, lo abbiamo ristrutturato, abbiamo fatto debiti con le banche, io ho ipotecato casa. Non è stato facile ma ce l’abbiamo fatta e il 6 dicembre 1986 si sono aperte le porte del Vittoria. Uno spettacolo che fu fra i primi anni del Vittoria, prima di tutti gli altri teatri fu il “Teatro nero di Praga”, e poi … la Chaplin! Da lì è seguita tutta una strada, che poi non è stata facile, non per noi ma in generale per il teatro italiano. Per questo ho una grande attenzione per i giovani, perché penso a quando eravamo noi. Oggi al loro posto saremmo nelle cantine e basta, non si dà spazio non c’è attenzione, per il teatro dei giovani che è il teatro del futuro, quando noi non ci saremo più, se non li aiutiamo i ragazzi, che faranno?

Si assumeranno le loro responsabilità come avete fatto voi che siete andati fino in fondo con coraggio! Bellissima questa storia!

Si molto bella.

Poi il leggendario spettacolo “Rumori fuori scena”.

A un certo punto è arrivata quest’opera: una cosa meravigliosa che tra l’altro abbiamo scoperto noi. Ci avevano detto a Londra di questo spettacolo meraviglioso e siamo andati a vederlo, l’abbiamo preso. Questo dimostra che anche se noi eravamo la compagnia conosciuta, abbiamo sempre puntato sul collettivo e non solo sui nomi, sulla “Compagnia attori e tecnici”: normalmente le compagnie hanno il nome di chi l’ha fondata, dunque Toniolo e Corsini si sarebbe potuta chiamare, invece, noi no! “Attori e Tecnici” . Abbiamo debuttato con un autore assolutamente sconosciuto in Italia, un titolo mai sentito e immediatamente c’è stato “il boom”: un successo incredibile tanto è vero che va in scena. Abbiamo debuttato a Pistoia poi al Flaiano, un teatro storico ma piccolino, ed è successo il finimondo, c’era la fila ogni sera! I giornali ne parlavano!

Uno vero esercizio per attore.

Spettacolo difficile diretto da Attilio in modo strepitoso. Si una grande lezione di teatro. Oggi, del passato, ci siamo Annalisa di Nola ed io.

Le scenografie sono le stesse?

Tutto, tutto.

Che meraviglia come una scenografia di Goldoni, originale dell’epoca!

Anche gli stessi costumi.

Una messa in scena che ricorda con amore e affetto.

Ce ne sono tante, tutti belli gli spettacoli, per esempio “I due sergenti”, una storia meravigliosa con tanti attori. Uno spettacolo che io ricordo con amore è stato “Varietà in varie età”: ad Attilio è venuta l’idea di parlare del varietà raccontare la storia del varietà dalla fine dell’Ottocento fino alla prima guerra mondiale. Lo ricordo bene perché mi divertii talmente tanto, facevo la soubrette, era bello perché poi c’erano momenti tenerissimi, poi molto da ridere: io mi svegliavo la mattina, non vedevo l’ora che arrivasse la sera per andare a fare lo spettacolo, anche dopo otto mesi di replica abbiamo ripreso lo spettacolo. Attilio scrisse il testo con il grande Giancarlo Fusco.

Quest’amore per il teatro comico!

Non solo comico mi piace anche il teatro drammatico. Un testo che ricordo con amore è di un giovane autore, purtroppo scomparso: nell’opera c’era molto da ridere e molto da piangere, siamo andati anche a Parigi, ebbe un successo enorme. Fin dall’Accademia, la mia insegnante ha capito che ero portata per i tempi comici, sono dei doni. Credo che grandi attori drammatici quando c’è da avere un tempo comico, nulla! Quelli comici possono invece fare il drammatico, sono convinta.

Dando uno sguardo alla stagione 2016-2017.Spazio alla comicità ma non solo: tra i molti, “Trappola per topi” di Agatha Christie

Sarò in “Rumori fuori scena”, non nella nuova produzione lo spettacolo “Terapia di gruppo”. Invece sarò in “Weekend comedy” che è delizioso.

Mi ha colpito molto questo “Mar del Plata”.

Parla di una storia vera, di una squadra di rugby nel periodo della dittatura argentina degli anni settanta, tutta la squadra è stata ammazzata: si passa attraverso il dolore, senza sostarci dentro. Ho scelto questo spettacolo, come “Odissea da Omero a Derek Walcott”: Sono bellissimi di grande professionalità, ci sono tantissimi attori giovani bravissimi. Mi è piaciuto metterli in cartellone, per l’amore che provo per il teatro e mi auguro che proprio i giovani vengano a vedere questi spettacoli.

La scrittura drammaturgica?

E’ di Claudio Fava, le scenografie sono di Alessandro Chiti, in entrambi gli spettacoli, “Odissea da Omero a Derek Walcott” e “Mar del Plata”. 

E l’opera La Mandragola di Machiavelli?

In una stagione così variegata, anche un classico, va bene, per un pubblico così eterogeneo. Desidero che il teatro Vittoria sia aperto sempre, anche alle “incursioni affascinanti” dei nostri intellettuali.

Ci sarà Marco Travaglio?

E’ fantastico il suo “Slurp”, l’anno scorso fu tutto esaurito. Quest’anno sarà da noi una settimana, in abbonamento per il pubblico. E’ intelligente e interessante, ha una dote d’attore comico, come piace a me, è serio senza far smorfie o cose, con dei tempi comici che ti fanno proprio da ridere, è molto bravo, in scena, oltre ad essere un grande giornalista.

Poi abbiamo i Dik Dik!

Una storia bellissima. Ho visto lo spettacolo di Paolo Triestino con testo di Gianni Clementi, mi è piaciuto da impazzire perché è intitolato “ Eppur mi sono scordato di me” ed è la storia di un uomo che in un incidente di moto perde la memoria e man mano la riacquista e tutti i momenti importanti della sua vita sono sottolineati punteggiati dalla musica di Lucio Battisti, siamo negli anni settanta; Battisti è stato la colonna sonora per tanti giovani, anche giovani di oggi. Uscendo dallo spettacolo ho detto che bello che sarebbe… fare fra i miei vari appuntamenti speciali, con il pubblico serate da una sera, che bello che sarebbe fare una cornice con Mogol. Poi parlando con questo grande uomo di teatro che Renato Reichlin, tutto il teatro italiano è stato chiamato da lui, l’ho incontrato a Roma a cena, gli racconto del mio desiderio di avere Mogol e lui mi ha detto che avrebbe invitato per una serata Mogol e i Dik Dik che conosce, e farli venire in una serata al Vittoria (Bingo!! N. d. R.). Quindi ci sarà “Mi sono scordato di me!”  questo spettacolo stupendo, con queste due serate che faranno da cornice.

Un menù eccezionale!

Dulcis in fundo: la rassegna “Salviamo i talenti”. In questi giorni, lo voglio proprio dire, il pubblico, i cittadini devono sostenerci, è in scena “Coriolano” di Shakespeare, che ha vinto l’edizione dell’anno scorso. Questa rassegna è dedicata ad Attilio Corsini, perché ho pensato che un’idea così sarebbe piaciuta ad Attilio. Quattro spettacoli che io scelgo tra i vari che trovo nei teatri “off”. Ci sono delle giurie, una giuria di pubblico, una giuria di esperti che possono dare loro lavoro: direttori di teatro, registi, produttori, casting, direttori di doppiaggio e poi voteranno; poi c’è il pubblico nostro affezionato pubblico del Vittoria, cari adorati signore e signori, si vota, chi vince va in cartellone l’anno dopo (capito come si fanno in veri festival N.d.R.) Quest’anno c’è “Coriolano” opera di Shakespeare, che bravi che sono: il 6 giugno l’ultima replica della rassegna di quest’anno si saprà chi ha vinto.

E’ tanta la proposta e ci sono appuntamenti carini che danno gioia fantasia: i “Bubbles” tornano meravigliosi con le bolle di sapone, e “ Gang of magic” per bambini.

Che sono molti in questo quartiere vitale!

Sì! Poi “Saxophonissimo” di Les Désaxés. Sono sassofonisti fantastici, strepitosi di virtuosismo fanno cabaret. Tante offerte, qualcuno che veda tutto, qualcuno che possa scegliere.

Questo Teatro è parte integrante della nostra città, del nostro Teatro Italiano. “Il Tabloid“ vi seguirà, grazie di quello che sta facendo!

A voi. A tutti tutti

Finisce l’intervista. Siamo tutti con voi, vogliamo tornare a respirare l’aria buona, niente è impossibile. “Attori e tecnici” docet.

 

 

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.