Genzano – Infiorata doppia per celebrare il Giubileo

Dal 26 al 30 maggio 34 opere infiorate copriranno ad arte due strade del tridente sei-settecentesco della città per un totale di 3mila metri quadrati, unendo quindi la Tradizionale Infiorata all’Infiorata dei Ragazzi.

Al via l’edizione 2016 della Tradizionale Infiorata di Genzano che dal 26 al 30 maggio, per celebrare il Giubileo straordinario della Misericordia, interesserà due delle tre strade del tridente voluto dai Cesarini tra la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo. Il tema di quest’anno, “Con e per gli altri. Riconciliazione, perdono, amore e pace”, progettato dalla Maestra infioratrice Anna Pucci sarà sviluppato dai maestri infioratori di Genzano su via Italo Belardi (la storica via Livia) e dai ragazzi delle scuole del laboratorio “Fiori&colori”, con i giovani della “Bottega dell’Infiorata” e con la partecipazione straordinaria dei bambini delle scuole materne su via Bruno Buozzi (già via Sforza), unendo quindi la Tradizionale Infiorata all’Infiorata dei Ragazzi in occasione della festa del Corpus Domini.

Saranno 34 in totale le opere infiorate che copriranno ad arte una superficie di 3mila metri quadrati e saranno legate tra loro da una struttura d’insieme ripresa ed elaborata dall’acquarello di Johann Anton Rambaux del 1821 in cui la fontana di San Sebastiano del Bracci adornata a festa rappresenta il fulcro e l’elemento di unione. Le opere su via Italo Belardi saranno 16 (di dimensioni 11×7 metri) con l’opera di apertura che riprodurrà il logo del Giubileo di Rupnik e l’opera dell’artista ospite Maix Mayer, media artist,  borsista dell’Accademia tedesca di Roma “Villa Massimo”. Su via Bruno Buozzi, invece, ci saranno 18 opere (5,70×7,70 metri), tra cui un’opera di apertura con la Madonna della Misericordia di Rupnik e una di chiusura con il logo del Giubileo dello stesso autore.

Il 26 maggio, i Maestri Infioratori insieme ai ragazzi delle scuole realizzeranno le opere su via Bruno Buozzi (dal disegno alla stesura dei petali), mentre il 27, 28 e 29 si eseguiranno le opere su via Italo Belardi e nella giornata di domenica e lunedì si potranno vedere i quadri su entrambe le strade. A fare da contorno all’Infiorata ci saranno come sempre iniziative ed esposizioni in tutta la città: al Palazzo Sforza Cesarini ad esempio ci saranno le due grandi mostre “Symposium a tavola tra mito e cultura” e “La Collezione Hager – Sportelli”, mentre nel Palazzo comunale si potranno ammirare i bozzetti originali dell’Infiorata e la mostra dell’artista ospite Maix Mayer.

Grazie poi all’iniziativa di Visit Lazio e Regione Lazio in collaborazione con il Parco dei Castelli Romani e il progetto europeo Life Go Park (LIFE12 INF/IT/000571) quest’anno l’Infiorata diventa anche social. Dagli account ufficiali di @visit_lazio, @ParcoCastelli e @LifeGoPark, attraverso l’hashtag #InfiorataG16, è infatti già partita una diretta Twitter lunga una settimana per raccontare,  in 140 caratteri, il fascino di questa storica manifestazione, dai primi momenti dello “spelluccamento” dei fiori allo “spallamento” finale con la corsa dei ragazzi.

Tutti i visitatori potranno, inoltre, raccontare l’Infiorata usando l’hashtag #InfiorataG16 e pubblicando foto e post su Facebook, Twitter e Instagram. I migliori saranno scelti per un grande racconto digitale che sarà pubblicato sui siti di Visit Lazio, Parco dei Castelli Romani, Life Go Park e Comune di Genzano di Roma.

Scarica il programma!

Informazioni su Samantha Lombardi 4468 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it