5 dicembre 2016

Dossier Beach Litter 2016 di Legambiente: Coccia di Morto peggior Spiaggia per rifiuti e plastiche provenienti dal Tevere

“Il Tevere riversa a Coccia di Morto, rifiuti di ogni genere, è ora di prenderci cura sul serio del nostro Fiume con la creazione del Parco Interregionale del Tevere. Anche a Capocotta troppi rifiuti in una delle spiagge più belle del Lazio”

Torna il dossier di Legambiente Beach Litter, la ricerca sui rifiuti presenti nelle spiagge italiane redatto in occasione di “Spiagge e Fondali Puliti”, la campagna di sensibilizzazione e volontariato che vedrà impegnati tanti attivisti del cigno verde nel prossimo fine settimana. La ricerca è stata realizzata con monitoraggi nel mese di maggio di 47 spiagge italiane tra le quali anche 5 spiagge nel Lazio: Coccia di Morto a Fiumicino (RM), due porzioni del Lido Marechiaro ad Anzio (RM), Capocotta a Roma e la spiaggia di Levante a Terracina (LT).
L’area complessiva considerata per i cinque campionamenti è pari a 7600 mq (equivalente di 60 campi di beach volley) e sono stati rinvenuti 7068 rifiuti spiaggiati, il 21% di tutti quelli monitorati a livello nazionale e di questi circa il 94% ha dimensione inferiore a 25 cm. Sul totale dell’area indagata sono stati trovati una media di 1413 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia, dato più elevato del doppio di quello nazionale (media di 714 rifiuti ogni 100 metri).

La Spiaggia Coccia di Morto a Fiumicino è la spiaggia che registra il più alto numero di rifiuti a livello nazionale: oltre 5500 rifiuti in 100 metri. Su questo risultato influisce fortemente la presenza, a distanza di qualche chilometro, della foce del Tevere e delle correnti che fanno accumulare su questa spiaggia i rifiuti provenienti dal fiume e quindi dall’entroterra. Dei rifiuti rinvenuti, il 67% è imputabile proprio alla cattiva depurazione, con la presenza di ben 3716 cotton fioc e diversi altri articoli (deodoranti per wc e blister), del totale dei rifiuti, il 97% è plastica.

“Il Tevere riversa nella spiaggia di Coccia di Morto rifiuti di ogni genere, è ora di prenderci cura sul serio del nostro fiume – dichiara Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio -. La depurazione, non solo dai nitrati e fosfati disciolti in acqua, ma anche e soprattutto dalle micro-plastiche che evidentemente arrivano intatte fino al mare passando attraverso i depuratori, deve essere messa al centro del rilancio del Tevere stesso che può avvenire solo grazie a dinamiche come la creazione del Parco Interregionale Fluviale, di cui si parla da decenni e che ora la Regione deve urgentemente concretizzare. La qualità del nostro mare e delle spiagge del Lazio dipende soprattutto da ciò che viene trasportato da fiumi e canali alle foci ed i gestori dei servizi di depurazione devono rendere efficaci gli impianti, mettendo finalmente la qualità dei territori prima di qualsiasi dinamica economica, perché ciò che non viene fermato dai depuratori, e che prima ancora viene gettato colpevolmente nei water con una malsana abitudine, diventa mortale per le spiagge stesse”.

L’83% dei cotton fioc trovati in tutt’Italia è stato contato nella sola spiaggia di Coccia di Morto con 3716 pezzi. Tra i rifiuti che arrivano in spiaggia tramite gli scarichi delle nostre case e, quindi, attraverso i corsi d’acqua e canali abbiamo blister di medicinali, assorbenti e deodoranti per wc e sono stati trovati in maniera copiosa anche nella spiaggia di Capocotta – Ostia (Rm) con il 33% di incidenza sul totale.

“Anche a Capocotta ci sono troppi rifiuti per una delle spiagge più belle del Lazio – conclude Scacchi -, dove da qualche mese non esistono più servizi di pulizia della sabbia e delle splendide dune che erano invece assicurati dai gestori dei servizi nei chioschi. Oggi i presidi a Capocotta non ci sono e non è più garantita pulizia, sicurezza, salvaguardia dell’ambiente dunale, la stagione che sta per cominciare può significare il ritorno ad un passato remoto, quando il luogo era privo di tutele e sinonimo di illegalità, sporcizia, devastazione. Per questo c’è bisogno di trovare un metodo di gestione per la prossima estate e avviare gli iter per i bandi di gestione futura, preservando così, al meglio, la bellezza della parte più pregiata della Riserva del Litorale Romano”.

Intanto, da domani a domenica i volontari che volessero coadiuvare le pulizie delle spiagge previste da Legambiente nel Lazio, posso rivolgersi alle sedi dell’associazione, visitando il link www.legambientelazio.it
Sulle spiagge romane, le pulizie sono coadiuvate dal supporto di AMA Spa.

Conseguenze su fauna economia e turismo

FAUNA
Tartarughe, uccelli e mammiferi marini possono restare intrappolati nelle reti da pesca e negli attrezzi di cattura professionale oppure morire per l’ingestione accidentale di rifiuti scambiati per cibo. Secondo alcuni studi, nel Mediterraneo occidentale, l’ingestione di rifiuti causa la morte nel 79,6% delle tartarughe marine. Inoltre, le microplastiche ingerite dagli organismi acquatici, sono la causa principale dell’introduzione di plastiche nel biota e, quindi, del disequilibrio della catena alimentare e dell’intero ecosistema marino.

ECONOMIA
L’impatto economico considera sia i costi che il nostro Paese deve sostenere per la pulizia delle spiagge che i danni meccanici alle imbarcazioni e alle attrezzature da pesca, allo stock ittico in termini sia quantitativi sia qualitativi. Il marine litter, infine, ha conseguenze anche sull’appeal turistico.

TURISMO
Evidente l’impatto sul turismo, provocato anche dal decremento del valore estetico e dell’uso pubblico dell’ambiente che i rifiuti marini e spiaggiati comportano.

Criteri dell’indagine
I campionamenti delle 47 spiagge che compongono l’indagine sono stati eseguiti dai volontari di Legambiente, su tutto il territorio costiero italiano, nel mese di maggio 2015.
Ogni singolo campionamento ha seguito uno specifico protocollo di monitoraggio scientifico redatto da Legambiente, sulla base di quello messo a punto dal Ministero dell’Ambiente e dall’ISPRA nel 2014. Le aree di indagine sono prevalentemente spiagge libere non ancora pulite in vista della stagione balneare. 36 spiagge su 47 si trovano in prossimità di foci, con l’intento monitorare i rifiuti trasportati da corsi d’acqua e canali, compresi quelli provenienti dalla mancata depurazione.

Il campionamento è avvenuto percorrendo la spiaggia in modo sistematico, ortogonalmente alla linea di costa, lungo transetti distanziati di circa 2 metri (linee gialle nella foto esempio) ed annotando sulla scheda tutti gli oggetti rinvenuti sulla superficie del sedimento (non scavando).

 

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.