7 dicembre 2016

Roma – Il Prof. Rossi Doria potrebbe far parte della squadra di Giachetti

Il prof. Marco Rossi Doria è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Rossi Doria potrebbe far parte della squadra di Roberto Giachetti nel caso diventasse sindaco di Roma. “Più che come Ibrahimovic che viene chiamato per vincere, mi sento come Mr. Wolf: mi chiamano quando ci sono problemi –ha affermato Rossi Doria-. Come in tutti i sistemi di relazione è ovvio che c’è un mix tra il fatto che ti chiamano quando ci sono problemi e il fatto che tu sei così pazzo da accettare. In alcuni casi sono capitate cose ancora più terribili e quindi ho rifiutato. Non si fanno i conti senza l’oste, bisogna vedere i cittadini chi sceglieranno alle elezioni. Ero stato chiamato dal sindaco Marino, anche perché c’era un’emergenza che si profilava all’orizzonte, quella delle educatrici delle scuole d’infanzia e degli asili nido di Roma. Sono riuscito ad accordarmi con i ministeri, ad iniziare una difficile trattativa e a parlare in maniera diretta con queste educatrici. Questo ha garantito un anno, poi bisognava fare il lavoro di consolidare quello che era consolidabile, cambiare le norme per l’assunzione e la stabilizzazione. Uno dei motivi per cui sarei disponibile a fare di nuovo l’assessore è per portare a termine il lavoro iniziato, perché non mi piace lasciare le cose a metà. Io sto sul pezzo che conosco. Mi annoia la politica da talk show, quando c’è il talk show in tv cambio canale. Alcune buone competenze di quella giunta sono state disperse, alcune buone cose che erano state fatte sono state interrotte”.

La situazione delle periferie romane. “Il problema principale è l’enormità della periferia romana –ha spiegato Rossi Doria-. Non è che ci siano cose più terribili rispetto ad altre periferie, c’è una massiccia parte di esclusione sociale, ma anche situazioni di integrazioni splendide. Scuole che funzionano e scuole che non funzionano. Una situazione a macchia di leopardo, come avviene in ogni città del mondo, ma più la periferia è grande più i problemi sono tanti. C’è una fase di marcato abbandono nel periodo che coincide con le giunte Alemanno rispetto ad una tradizione precedente. Poi c’è stata anche la crisi economica da cui a fatica stiamo uscendo. Credo che se Giachetti vincerà mi darebbe le deleghe alla scuola e alla formazione professionale, ma non alle periferie”.

Fonte: Radio Cusano Campus