4 dicembre 2016

Yogurt “Kefírer” con l’immagine di Hitler: la trovata di tre giovani designer cechi

 

Ha suscitato non poca sorpresa l’ultima trovata di tre giovani designer che, hanno deciso di porre sulle etichette del proprio yogurt in commercio, l’immagine in primo piano di Adolf Hitler. L’idea di ‘Kefírer’, una combinazione dei termini “kefir”‘ e “Führer”, è iniziata come uno scherzo, ma dopo il grande impatto che ha avuto sui social network, il prodotto, infine, è andato sugli scaffali dei negozi della Repubblica Ceca. La denuncia mediatica è arrivata dal Simon Wiesenthal Centre che ha sede in Israele, attivista dell’antisemitismo internazionale, già promotore di campagne di “caccia” agli ultimi criminali nazisti viventi e collaboratore delle autorità della recente cattura di alcuni di essi. “Non dobbiamo dimenticare la seconda guerra mondiale e le lezioni che ci ha dato. Il nostro prodotto è solo un modo per ricordarlo ai nostri cittadini”, hanno spiegato i creatori del prodotto, Dave, Luca e Thomas che si difendono sostenendo che Hitler è un personaggio della storia, seppur di una pagina negativa. I giovani hanno chiarito che sono preoccupati per il crescente estremismo in Repubblica Ceca, ed in questo modo cercano di far ricordare il passato. “Utilizziamo esagerazione e umorismo per combattere l’estremismo”, hanno chiarito i giovani sulla pagina del prodotto lattiero-caseario di Facebook. Insomma, non si finisce mai di scoprire quanto male aleggia intorno alla figura di uno dei dittatori più feroci della storia umana, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione che da anni si batte anche contro ogni tipo di rievocazione del nazifascimo. La notizia, infatti, è preoccupante per gli effetti che un tale prodotto potrebbe avere sull’incremento dell’antisemitismo e del negazionismo e non si possono accettare come sufficienti le giustificazioni dell’azienda che si accompagnano ad una dichiarata consapevolezza dello sfruttamento delle critiche per incrementare le vendite.

Giovanni D’AGATA