7 dicembre 2016

Calcio e Camorra, Vaccari: “L’ultima inchiesta mostra maggiore complicità tra calciatori e dirigenti”

In merito all’inchiesta della Dda di Napoli sulla camorra e le scommesse nel calcio. “E’ una conferma di quanto accaduto anche in passato –ha spiegato Vaccari-. In questo caso, più di altre volte, c’è una maggiore facilità nella complicità da parte dei giocatori, oltre che di alcuni dirigenti sportivi ed ex calciatori. La Camorra usa il match fixing per lavare i soldi incamerati con altre attività illegali. Le somme investite sono ben superiori rispetto alle vincite. Abbiamo aggiornato un quadro di conoscenze che la Commissione aveva già fatto nelle precedenti legislature su questo tema, per mettere in campo una serie di proposte in grado di aggiornare il quadro normativo, superando anche qualche lacuna esistente. Gli strumenti di controllo ci sono, l’agenzia dei monopoli e delle dogane svolge un ruolo importante, nel 2015 la quantità di esercizi controllati: 32.015. C’è una mole importante che ha fatto aumentare di oltre 22 milioni e mezzo l’imposta da riscuotere, 19 milioni di sanzioni. Ma abbiamo oltre 400mila macchinette in giro per l’Italia. Il tema è riuscire a costruire un sistema di controlli adeguato alla dimensione dei punti gioco del nostro Paese. La criminalità organizzata, laddove è più radicata nel territorio, ha gioco facile e c’è quindi una contiguità tra gioco illegale e i punti legali sui quali l’agenzia dei monopoli effettua i controlli”.

Le società di calcio sono spesso sponsorizzate da siti di scommesse. “Una riflessione su questo andrebbe fatta, il mondo dello sport in generale dovrebbe farla –ha affermato Vaccari-. Tempo fa ho scritto al premier per fargli presente che non era una grande scelta quella del Coni di associare il proprio nome e le proprie iniziative ad Herbalife. Così come credo non sia eticamente sostenibile che una squadra di calcio associ il proprio nome ad un’azienda di scommesse, in particolare di gioco online che è quello meno controllabile. Se il calcio vuole dare un segnale potrebbe provare ad orientare i consumi in maniera differente”.

Fonte: Radio Cusano Campus