5 dicembre 2016

Roma – Lombardi, M5S: “I vigili alla conferenza della Raggi? Ecco come è andata”

 

Roberta Lombardi, deputata del Movimento Cinque Stelle, è intervenuta questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Roberta Lombardi ha raccontato quanto accaduto con i vigili nel corso di una conferenza stampa in cui stava parlando la candidata sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle, Virginia Raggi: “In realtà, se non fosse che si parla delle politiche amministrative e di elezioni a Roma, sarebbe quasi tenero questo balletto che si è scatenato sul nulla. Eravamo alla conferenza stampa di presentazione del programma trasparenza, eravamo a Malagrotta, una zona senza problemi di parcheggio, ed è arrivato questo signore, lanciando questo grido d’allarme cui ogni romano è sensibile, dicendo che stavano arrivando i vigili.  La polizia locale stava semplicemente presidiando il territorio, ha fatto il proprio dovere e ha fatto una sola multa, quindi eravamo tutti parcheggiati in modo ordinato. Il senso di solidarietà del romano che avverte tutti quando arrivano i vigili? E’ innato, nel romano è un riflesso condizionato”.

Roberta Lombardi sulla querelle Boschi-Partigiani: “Qualcuno è molto nervoso per questo referendum. Hanno capito che il Paese sonnecchia ma non è ancora completamente addormentato. Le persone hanno capito il valore della nostra carta costituzionale e adesso gli esponenti governativi provano a fare terrorismo psicologico, cercando di raccattare un po’ di consensi. Ogni tanto, però, toccano fili dell’alta tensione. Il commento sui partigiani è stato del tutto fuori luogo. Farebbero tenerezza, se non si parlasse della nostra carta costituzionale. Perché Renzi e Boschi alzano così tanto i toni? Non credo che abbiano dei sondaggi che noi non conosciamo che ne attestino la popolarità. Stanno cercando di instaurare un clima di terrorismo psicologico. Fanno capire che se loro se ne vanno possono arrivare quei mattacchioni dei grillini o chissà chi altro. Si usano come baluardi a difesa dello status quo. Sono i difensori di questo status quo, finché ci saranno loro l’italia non sarà un paese per cittadini ma un paese per lobbisti”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=8472

Fonte: Radio Cusano Campus