3 dicembre 2016

Italiano MX 125: Manucci conquista un posto per la finale!

Lo scorso weekend a Savignano sul Panaro (MO), si è disputata la terza Prova Selettiva Zona Centro Sud del Campionato Italiano MX Junior, che ha visto il rientro di Alessandro Manucci dopo una lunga convalescenza dovuta ad un infortunio subito alla spalla destra tra la seconda gara di Lamezia e la terza di Ottobiano. Rientro positivo per il pilota di Predappio che è riuscito ad ottenere i punti necessari per accedere alla fase finale del Campionato Italiano MX Junior.

Manucci è stato protagonista di un fine settimana interessante dove, sin dalle qualifiche durante le quali ha conquistato la quarta posizione al cancelletto di partenza, dimostrava di poter competere con i primi in classifica. Grazie ad una buona partenza, nella prima manche, si portava in seconda piazza già dal secondo giro, insidiando il primo posto di Andre Zanotti. Gara 1 si concludeva con Zanotti primo seguito da Manucci.
Il pilota di Predappio, nonostante fosse stato protagonista ad inizio gara di una caduta, concludeva la seconda manche in quinta posizione.

La classifica di giornata vedeva sul primo gradino del podio, della classe 125 cc, Andrea Zanotti seguito da Alessandro Manucci e Gianmarco Cenerelli. Grazie a questo risultato, Manucci conquista il 23° posto in classifica generale che gli consente di accedere alla fase finale dell’Italiano che si terrà a Ponte Egola (PI) a partire dal 10 luglio.

Nel Campionato Italiano MX2, tenutosi a Mantova, il compagno di squadra di Manucci, Palo Lugana con la sua TM 125 cc si classificava per la gare del Gruppo A piazzandosi al 26° posto e nella gara successiva 25°.

Thomas Traversini, Commissario Tecnico FMI, commenta così le prestazioni dei giovani piloti: “Sono davvero molto contento per Manucci. Qualificarsi alla fase finale era un compito tutt’altro che facile, ma lui è arrivato a Savignano con uno scopo ben chiaro e ha centrato l’obiettivo. Nelle prossime gare non sarà importante pensare ai risultati, quanto a recuperare completamente la forma fisica. Anche Lugana si è comportato bene a Mantova. Lottare contro avversari in sella a moto più potenti non può che aiutarlo a crescere”.