6 dicembre 2016

Combattere i ransomware: Kaspersky Lab ha permesso ai suoi clienti di risparmiare 53 milioni di dollari nel 2015

Kaspersky Lab ha annunciato che, nel 2015, le sue soluzioni hanno protetto 443.920 utenti e clienti corporate in tutto il mondo dai ransomware criptatori, privando i cyber criminali di quasi 53 milioni di dollari di guadagni illeciti.

I ransomware criptatori – e i cyber criminali che li usano – possono creare molti problemi alle loro vittime. Una volta sul dispositivo, i file importanti vengono criptati (documenti, foto, e così via) e viene chiesto un riscatto alla persona o all’azienda colpita per decriptare i file. La rimozione di un programma nocivo non aiuta a decriptare i file danneggiati e nella maggior parte dei casi non è possibile ripristinare i documenti senza la chiave di decriptazione. I dati possono essere protetti impedendo in primo luogo l’infezione o ripristinando i dati da una copia di backup. Se non ci sono copie di backup, tuttavia, la vittima spesso può solo accettare la perdita dei dati o pagare il riscatto, senza alcuna garanzia.

A seconda del tipo di malware, del numero di file criptati e della tipologia di vittima (utente privato o azienda), il costo di decriptazione può variare da trenta e migliaia di dollari. Il riscatto medio richiesto dai cyber criminali è di 300 dollari e, secondo numerose fonti, almeno il 40% delle vittime paga il riscatto. Considerando la percentuale di utenti protetti che sarebbero disposti a pagare il riscatto e il suo costo medio, è semplice calcolare che nel 2015 Kaspersky Lab ha permesso ai suoi clienti di risparmiare 53 milioni di dollari.

“La diffusione di ransomware è stata causata dalla semplicità di monetizzazione e dall’impunità. Nella maggior parte dei casi, infatti, i riscatti richiesti in cripto valuta (ad esempio in bitcoin) rendono impossibile tracciare i cyber criminali. Consigliamo alle vittime di non pagare, in quanto non ci sono garanzie che i criminali decriptino i file e in questo modo non si fa altro che contribuire allo sviluppo di questo business illegale. Suggeriamo, invece, agli utenti di prepararsi in anticipo ad una situazione di questo genere facendo regolari backup tramite media dedicati e archivi cloud e usando una soluzione di sicurezza affidabile, in grado di impedire ai malware di condurre le proprie operazioni”, ha commentato Morten Lehn, General Manager di Kaspersky Lab Italia.

Le soluzioni di Kaspersky Lab integrano una speciale tecnologia che può aiutare a proteggere i file anche in caso di infezione da parte di un malware sconosciuto e molto complesso. La maggior parte dei criptatori viene rilevata dagli antivirus per web, email e file quando cerca di accedere al dispositivo. Se il programma nocivo viene distribuito attraverso pacchetti exploit che sfruttano vulnerabilità del sistema o dei software installati, viene bloccato dalla tecnologia Automatic Exploit Prevention, che impedisce al malware criptatore di accedere al dispositivo.

Anche se alcuni programmi riuscissero a penetrare nel dispositivo e provassero a cambiare i file dell’utente, la tecnologia di Kaspersky Lab creerebbe una copia protetta che verrebbe quindi usata per ripristinare automaticamente i file dopo la rimozione del malware. Questa tecnologia è inclusa nel modulo System Watcher integrato in tutti gli ultimi prodotti di Kaspersky Lab per Windows. Questo modulo protegge i file dai malware estorsori e gli utenti dalla necessità di pagare il riscatto. Nelle soluzioni corporate, questa tecnologia impedisce la propagazione delle minacce da un dispositivo infetto ad altri dispositivi, al server e alle cartelle di rete. Per ottenere la massima protezione, Kaspersky Lab raccomanda agli utenti privati e ai clienti corporate di tenere sempre attivo questo modulo.