Anpi, Antonio Padellaro: “La gaffe della Boschi non è una tragedia”

 

Il giornalista Antonio Padellaro, ex direttore de L’Unità e fondatore de Il Fatto Quotidiano, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Le parole della Boschi sull’Anpi. “La gaffe della Boschi non è una tragedia –ha affermato Padellaro-. Il problema è che in questa campagna elettorale per il referendum si parla pochissimo dei contenuti delle riforme, si perde tempo in polemicuzze da 4 soldi, partigiani sì partigiani no. I partigiani faranno quello che vogliono. Dei partigiani della Resistenza ne sono rimasti pochi in vita. Mi sembra che si cerchi in tutti i modi di evitare di parlare di un tema fondamentale come le riforme costituzionali. Renzi ha completamente sviato il significato del referendum dicendo che se vince il no va a casa. E’ un modo di ricattare l’elettore per dirgli non voti per il referendum, voti per il governo. Questo mi sembra un modo sbagliato di affrontare la questione. Questo referendum sui mutamenti che sono stati apportati alla Costituzione, dovrebbe essere un referendum con parecchi sì e parecchi no, non con uno solo. Io sono d’accordo sul fatto che queste riforme limitino le indennità di presidenti e consigli regionali. All’interno di questa riforma ci sono anche delle cose che io approverei, ma ci sono anche delle cose assurde, come ad esempio il nuovo Senato. Perché io che vorrei dire sì ad alcune cose e no ad altre devo dire sì o no a tutto. Quest’assurdità ha messo in moto il plebiscito Renzi sì Renzi no. La distorsione nasce dal quesito. Purtroppo ci sarà una campagna elettorale su Renzi”.

Massimo Franchi, giornalista de L’Unità, è stato colpito da un provvedimento disciplinare perché aveva espresso un apprezzamento verso Enrico Berlinguer e una critica a Renzi. “Bianca Berlinguer è intervenuta per precisare alcuni aspetti e ha ragione da vendere –ha affermato Padellaro-. Il provvedimento disciplinare assunto dall’azienda Unità nei confronti di questo collega sia incredibile, senza precedenti. Mostra un modo di considerare l’autonomia dei giornalisti che fa paura. So che questo provvedimento sembra sia stato ritirato, ma è comunque un pessimo segnale. I valori rappresentati da Enrico Berlinguer si possono anche non condividere, ma il suo sacrificio dovrebbe indurre a delle forme di rispetto naturali e invece no. Distinguerei tra Renzi e alcuni suoi servi sciocchi. Renzi è molto infastidito secondo me da tutte queste cose perché, con tutti i suoi limiti, cerca di evitare questioni stupide e controproducenti. Ci sono quelli che pensano di essere più renziani di Renzi che fanno cose controproducenti. Cosa gliene frega a Renzi se Massimo Franchi scrive apprezzamenti a Berlinguer? Se quel tweet fosse rimasto tale e nessuno ne avesse parlato, sarebbe diventato il piccolo caso che è diventato? In questi casi intervenire significa semplicemente sollevare un vespaio”.

I casi Belpietro, Giannini, Porro. “L’editto bulgaro di Berlusconi colpì volendo colpire Santoro, Biagi e Luttazzi –ha sottolineato Padellaro-. Fu proprio una dichiarazione di guerra alla libertà d’informazione. Il caso Belpietro è il caso di un direttore che viene cambiato dall’editore, mettendo al suo posto il fondatore di Libero Vittorio Feltri. Sul servizio pubblico le cose sono andate diversamente: Giannini è stato attaccato duramente da Ansaldi, non è gradito. La puntata che gli è stata imputata fu accusato di aver parlato di incesto tra la Boschi e il padre nel senso di conflitto d’interessi nel caso Banca Etruria, non mi sembrava un caso di lesa maestrà. Evidentemente vorrebbero trasmissioni in ginocchio, la stessa cosa vale per Porro. Non è che vogliono cambiare e mettere giornalisti più fedeli, vogliono proprio cercare di neutralizzare questi talk show politici che a Renzi non piacciono, quindi magari vedremo un telefilm per distrarre un po’. Ma il palinsesto Rai lo decide Renzi? L’ad messo lì da Renzi? O dovrebbe deciderlo il cda sulla base degli interessi del servizio pubblico. Non capisco questo modo verticistico di gestione della Rai”.

Fonte: Radio Cusano Campus

loading...