10 dicembre 2016

Roma – Santori, FDI: “L’Inps apre le sue sedi storiche ma quando restituisce le pensioni agli italiani?”

Malagestione degli immobili e furti legalizzati ai pensionati. Welfarte, per cui oggi l’Inps apre al pubblico le sue sedi storiche, perdono di consistenza e anzi potrebbero sembrare occasioni costruite a tavolino per insabbiare le reali incapacità dell’Inps

“Le dubbie manovre dell’Inps per riparare all’incostituzionale esclusione di oltre 5 milioni di pensionati con un reddito pari o superiore a 1443 euro mensili lordi dalla rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici per gli anni 2012 e 2013, non ci incantano. A seguito della sentenza del 30 aprile 2015, n. 70 della Corte Costituzionale che ha stabilito il pagamento degli arretrati ai pensionati danneggiati, è necessario fare chiarezza sul misero importo restituito, oscillato tra i 150 e gli 800 euro, e non corrispondente in alcun modo all’effettivo calcolo stabilito per effetto del ripristino della perequazione e la ricostruzione del trattamento pensionistico. Insomma una truffa legalizzata dal governo Renzi che non intendiamo far passare sotto traccia” lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale di Fratelli d’Italia del Lazio che insieme al collega Giancarlo Righini, discuterà mercoledi 25 maggio in Consiglio Regionale una mozione per chiedere un intervento immediato del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti nei confronti del Governo al fine di intervenire rapidamente e dare piena ed effettiva attuazione alla sentenza della Corte Costituzionale restituendo il dovuto ai pensionati italiani.

“Far vivere milioni di pensionati con l’incubo di tagli consistenti alle proprie risorse economiche per il tanto auspicato consolidamento dei conti pubblici è una vergogna senza pari, soprattutto se si considera lo scandaloso buco dell’Inps di 250 milioni in tre anni, dovuto alla malagestione dei circa 30 mila beni immobili “a reddito” su tutta Italia, che invece di fare cassa registrano un rosso devastante sui nostri conti previdenziali. Abitazioni, uffici negozi e magazzini, acquisiti con i contributi pagati dai lavoratori, di cui solo meno del 22% è regolarmente locata, il resto rimane libero, occupato, 1 su 3, o affittato a prezzi irrisori per un ricavo di 53 milioni nel 2014, anziché i 2,5 miliardi di euro stimati dalla Corte dei conti con una recente delibera del febbraio 2016.

Di fronte a questo quadro desolante eventi come Welfarte, per cui oggi l’Inps apre al pubblico le sue sedi storiche al fine di promuovere le nostre bellezze artistiche, perdono di consistenza e anzi potrebbero sembrare occasioni costruite a tavolino per insabbiare le reali incapacità da parte dell’Ente pensionistico di gestire la cosa pubblica, urtando la sensibilità dei molti cittadini stanchi di questi tentati furti alle proprie pensioni” conclude Santori.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.