9 dicembre 2016

MotoGp, Mugello: report gara Aprilia

L’Aprilia RS-GP finisce a punti il GP del Mugello con Stefan Bradl che, proprio nella domenica di gara, trova sensazioni migliori di quelle avute nei turni di prova e porta la sua moto al quattordicesimo posto guadagnando ancora due punti in classifica.
E’ durata invece poco la corsa di Alvaro Bautista. Lo spagnolo, che per tutto il weekend era sembrato quello più in palla dei piloti dell’Aprilia Racing Team Gresini è stato costretto a usare in gara la seconda moto a causa di una scivolata nel warm-up del mattino. Ma in gara è caduto alla prima curva quando, dopo una bella partenza, cercava di recuperare posizioni in staccata ma ha osato troppo perdendo l’anteriore e chiudendo così anticipatamente la sua corsa.

ROMANO ALBESIANO – APRILIA RACING MANAGER

 

“Ci aspettavamo che il Mugello fosse una pista difficile per la neonata RS-GP ma la perdita del primo turno di libere del venerdì a causa della pista umida ci ha davvero danneggiato. Proprio per la novità del progetto ogni singola sessione può fare la differenza. Credo che, per quello che ha mostrato in tutto il weekend Alvaro avrebbe avuto qualche possibilità di fare meglio di Stefan ma purtroppo ha esagerato alla prima curva e la sua gara è finita lì. Stefan ha recuperato rispetto al venerdì e al sabato, migliorando la moto e il suo feeling ma certamente dobbiamo e vogliamo fare molto meglio. La moto è una base molto buona ma in questo momento paghiamo anche un gap di motore che certamente recupereremo nel corso della stagione”.

FAUSTO GRESINI – TEAM MANAGER

 

“La MotoGP presenta quest’anno un livello altissimo e il Mugello è una sfida terribile per un progetto nuovo come il nostro. Il gap dai primi, alla fine, non è cresciuto ma l’obiettivo è di fare passi in avanti e ridurre questo distacco in gara. Con una moto completamente nuova incontriamo situazioni molto diverse da pista a pista e, in questo senso, a Barcellona potremmo essere in condizioni migliori, un po’ come accaduto a Jerez quando abbiamo trovato subito un buon set-up. Dobbiamo avere pazienza e i risultati verranno”.

ALVARO BAUTISTA

 

“Dopo la caduta nel warm-up ho dovuto utilizzare la seconda moto per la gara. Nel giro di allineamento il freno anteriore mi ha dato un feeling strano, quindi ho regolato la leva prima di partire. Quando sono arrivato alla prima curva ho frenato in maniera normale, ma mentre stavo inserendo la moto ho avvertito un bloccaggio alla ruota e sono scivolato. Voglio innanzitutto scusarmi con Baz e Miller, che ho involontariamente coinvolto nella mia caduta. Sono dispiaciuto perché, nonostante non sia stato il nostro miglior weekend, avevo fiducia nel mio passo di gara. Ora dobbiamo resettare la mente e pensare al prossimo appuntamento di Barcellona”.

 

STEFAN BRADL

 

“Sicuramente è stato un weekend impegnativo per noi. Abbiamo lavorato tanto, provando molte soluzioni ma non ho mai trovato un setup che fosse soddisfacente al 100%. Anche nel warm-up abbiamo introdotto una modifica, che ci ha dato qualche beneficio ma che abbiamo bisogno di approfondire con più tempo a disposizione. In gara ho fatto una buona partenza e ho poi cercato di essere aggressivo da subito, sapevo di non avere il ritmo migliore quindi ho puntato a rimanere nel gruppo. Purtroppo quando mancavano dieci giri alla fine si è staccato il rivestimento in gomma del serbatoio, che si usa per avere grip con le gambe e stabilizzare la moto, e in una pista come questa mi è costato la possibilità di guadagnare una posizione”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.