“La pazza gioia” di Paolo Virzì

 

Camera che segue con ripresa molto sgranata, il passo veloce di una donna che porta a spasso un bimbo piccolo nel passeggino. Le Rotaie di un treno, il mare a piombo  visto dall’alto. Stacco. Villa Biondi nei dintorni di Pistoia: una comunità terapeutica che accoglie donne affette da patologie psichiatriche, alcune in custodia giudiziaria. Un incontro fatale: Beatrice (bravissima Valeria Bruni Tedeschi) che si sente vittima di un complotto ordito per farla rinchiudere, preda di mitomania “berlusconiana” da Jet set e Donatella (l’impeccabile Micaela Ramazzotti) la reietta “picaresca” che giunge in comunità ferita fisicamente e molto provata.

“Meno male che ci sei te”, dice Donatella a Beatrice. Dice anche di piangere da sempre (fin dalle elementari!) perché “depressa”. Beatrice ironica e spudorata ne combina una dietro l’altra e “da grande” vorrebbero curare lei i “malati di mente”. Alla Villa Biondi (un po’ centro sociale, un po’ agriturismo macrobiotico) sembrano tutti volersi bene, anche se la convivenza è difficile, e spesso le due protagoniste si dicono tra loro “ma allora sei matta”, ”ma quella è matta”. Ci fate o ci siete? Sembra che il regista Virzì (autore tra i film  apprezzati come “Ovosodo” e “N- Io e Napoleone”) voglia esorcizzare la paura della pazzia: operazione un tantino urticante, vista  la portata del tema.

Più interessante occuparsi della pazzia passata per normalità, modus ormai in voga nel Belpaese. Il film si giostra tra il serio e il faceto, tra le gag a volte riuscite e i tempi comici che all’inizio stentano a decollare. Poi la svolta, con la fuga delle due, quando dopo un azzardato autostop, rubano un’auto. Ovvio che non siamo in “Thelma & Louise” (film di Ridley Scott con Susan Saradon e Geena Davis del 1991) perché Beatrice e Donatella, non imbracciano pistole, non hanno nessuna intenzione e forse neanche l’ambizione. Eppure da qualche parte respira e arriva il loro desiderio d’essere altro (a quel punto la pazzia non c’entra più) di occupare lo stesso spazio filmico delle colleghe americane. Certo, direte voi, non vi sono omicidi e stupri, ma chi di noi non ha immaginato che anche Donatella e Beatrice (come Thelma e Louise) proseguissero la loro corsa in auto fino alla fine. Invece sia nel primo furto di auto che nel secondo, non se ne parla di proseguire a mille miglia l’ora fino a lanciarsi nel vuoto!

Le nostre eroine sottraggono una prima auto a un tipo grassoccio che le vuole trascinare in un infimo hotel, poi rubano una seconda auto sul set cinematografico allestito nella grande villa della madre di Beatrice (“Villa ceduta al cinema italiano” dice una battuta, per sanare i debiti causati da Beatrice). Con fazzoletto e auto cabrio, stile anni cinquanta ci siamo l’assist è perfetto, più citazione di così! Le imbroglione-pazze sono complici in tutto ma sono subito scoperte, il loro tragitto in auto è breve, la loro determinazione alla fuga scarsa. L’operatore sanitario di Villa Biondi, Fiamma (intensa Valentina Carnelutti) le cerca dappertutto: lei è “la mamma buona”, non come la mamma di Donatella (Anna Galiena sempre bravissima) che vive sperando di ereditare qualcosa da un malato vecchio e ricco, che le mette le mani addosso.

Lo spettatore ha gli occhi lucidi vedendo in una sequenza il momento doloroso di Donatella con suo figlio e si commuove un po’ quando la ragazza lo incontra sulla spiaggia. Poi tutto scivola via e si ritorna nel “ventre” di Villa Biondi. Proveniente dal film “ Il capitale umano”, il regista Virzì, nostrano talento (autore della sceneggiatura del film con la regista Francesca Archibugi) realizza un’opera che vorrebbe dire molte altre cose, ma che, non dice. A modo suo bella ma incompiuta.

 

I video del giorno

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 245 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.