7 dicembre 2016

Minacce ad un diversamente abile ne abbiamo? Si!

Alle nove di sera quando ormai la giornata volge al termine e magari si fanno anche dei bilanci su cosa si è fatto o cosa si dovrà fare l’indomani, squilla il telefono.

“Pronto?”

“Sei Claudio Palmulli?”

“Si sono io”

“Tu e Simone Carabella avete finito di campare, handicappato di merda”

Click riaggancia….

Ricevere telefonate minatorie non è mai troppo piacevole per la maggioranza delle persone, ma invece per Claudio e Simone è motivo di orgoglio perché è segno che stanno arrivando al punto, stanno risvegliando la coscienza delle persone, anche quelle che di persone hanno poco, come in questo caso. Quando cominci a dare fastidio è il segnale giusto perché qualcuno si sta rendendo conto che forse qualcosa sta cambiando e sta arrivando.

È chiaro, l’impegno politico di Simone Carabella è scomodo, parlare di patria, di immigrati, di diritti e di doveri, pubblicamente, sui social, con dei video, diretti e senza peli sulla lingua, dire senza giri di parole quello che in tanti scrivono su facebook ma che poi sperano che le cose le faccia qualcun altro, i famosi “leoni da tastiera” rivoluzionari perchè la sera prima hanno visto Rambo in TV.

Nascondersi dietro un numero anonimo e minacciare, quello si che è da vero coraggioso, un eroe nazionale da medaglia sul petto, potremmo proporre anche di togliere la statua di Marco Aurelio al Campidoglio e farne fare una per questo personaggio… se magari avesse il coraggio di parlare guardando in faccia i suoi antagonisti.

Noi de Il Tabloid abbiamo conosciuto Simone e Claudio tanto tempo fa, prima della politica, quando sono partiti da Dragoncello a piedi sulla Via del Mare per manifestare un problema, e lo hanno continuato a fare, fino ad oggi attirando verso di loro tanti consensi, si perché forse a molti non è chiaro che se una stazione, per esempio, diventasse fruibile ai diversamente abili il beneficio è per tutti non solo per loro, aiutare la comunità questa la loro mission e ad oggi, un pezzo per volta, ci stanno riuscendo.

Al signor “molestatore telefonico” cosa vogliamo dire, che “handicappato di merda” ad un ragazzo che dalla nascita sta sulla carrozzina è quasi un complimento, nella sua vita Claudio ne ha sentite di peggio, si perché una frase non è peggio di uno sguardo, della risatina maligna, di quello che se ti vede in difficoltà con un gradino fa il vago e non ti aiuta o la peggiore di rimanere in fondo al tunnel della metro perché con la carrozzina non si può uscire dalla stazione.

In queste ultime ore tanti i messaggi di solidarietà che sono arrivati sia a Claudio che Simone segno che ci sono tante persone che hanno capito che quello che fanno è utile alla collettività e a far si che tutti possano vivere e ricevere gli stessi servizi perché quello che fanno ha un nome ben preciso, diritto, diritto di poter essere libero.

Il Tabloid è con voi ragazzi continuate e cosi e come disse Dante: “…non ti curar di loro ma guarda e passa…”

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.