8 dicembre 2016

Lorenzo colpisce, il Mugello è suo

L’appuntamento italiano della classe regina si conclude nel segno di Jorge Lorenzo, Movistar Yamaha che batte in volata Marc Marquez, pilota HRC. Terzo Andrea Iannone e quinto Andrea Dovizioso, suo compagno di team Ducati. Valentino Rossi esce di scena nel fumo della sua M1, rottura meccanica dopo la partenza dalla pole.

Condizioni della posta ottime e un cielo azzurro fanno da cornice alla gara della massima cilindrata sulla pista toscana. Nel primo pomeriggio la temperatura dell’aria è di circa trenta gradi e quella dell’asfalto sfiora è a 45°. Tribune tutte esaurite e il tifo appassionato saluta i protagonisti della MotoGP™.

La griglia di partenza è comandata da Rossi, autore di una fantastica pole, Maverick Viñales del team Suzuki Ecstar è al secondo posto e migliore del warm up della mattina mentre Andrea Iannone chiude la prima fila alla terza piazza. Il pilota abruzzese con la sua DesmosediciGP ha dominato tutte le libere. In seconda fila troviamo il trio spagnolo composto Marc Marquez, Jorge Lorenzo e Aleix Espargaro, compagno di scuderia di Viñales. Problemi per la M1 numero 99 alla fine delle prove domenicali, sul rettilineo del traguardo Lorenzo rompe il motore e lascia la sua moto a bordo pista.

Da segnalare la defezione di Tito Rabat, portacolori Estrella Galicia 0,0, infortunatosi durante le libere. Il rookie della classe ha lasciato il tracciato italiano per sottoporsi ad ulteriori cure mediche dopo la rottura della clavicola rimediata in una caduta.

Si spegne il semaforo e Lorenzo scatta come un fulmine dalla seconda fila, è primo davanti a Rossi e a Viñales, poi Marquez e Dovizioso. Cadono alla prima curva Alvaro Bautista, Aprilia Gresini e Loris Baz, Avintia Racing con il francese che ha la peggio e sarà trasportato al centro medico. Da una prima diagnosi per il numero 76 la rottura del piede. Al terzo giro Rossi prova la staccata da primo posto ma va largo ed è ancora secondo. Sbagalia anche il numero 25 su Suzuki ed è decimo mentre terzo è Aleix Espargaro; a seguire i due piloti HRC. Non una bella partenza per Iannone con Dovizioso come migliore delle Ducati sesto.

Il Dottore ad ogni arrivo alla San Donato, la curva a fine rettilineo del traguardo, prova l’attacco al compagno di box e rivale che teine il primato difendendosi. Marquez, al terzo posto, ricuce il distacco dalle due Yamaha seguito dalla Suzuki numero 41. Iannone, Petrucci e Pirro sono decimo, undicesimo e tredicesimo con il pilota di Vasto che sale al nono posto e segna il nuovo record di velocità di punta al Mugello, 354.5 km/h.

Dovizioso mette nel mirino la moto di Aleix Espargaro e lo supera quando mancano diciannove giri alla fine. Il forlivese spinge molto e prova ad avvicinarsi alla RC213V di Marquez mentre il duo di testa è lo stesso con Rossi che mette pressione psicologica a Lorenzo in fondo al rettilineo. I quattro piloti davanti hanno un vantaggio di oltre 2 secondi sul resto della corsa.

Al 15esimo giro dalla fine Rossi accusa un problema meccanico, allarga la traiettoria e prosegue per un paio di curve prima che la sua M1 sia avvolta dal fumo. Stessa situazione vissuta da Lorenzo nel warm up. Ora il numero 99 è al comando libero di dettare il passo.

Grande risalita di Iannone che adesso è dietro al compagno di scuderia; dopo aver rimontato dalla nona piazza il pilota di Vasto è quarto mentre Marquez è alla caccia di Lorenzo, quando mancano 11 giri alla fine i due spagnoli sono vicini.

A meno nove passaggi dalla fine le posizioni non cambiano; guida Lorenzo seguito da Marquez con le due Ducati a 3.4 secondi. Pedrosa e Viñales sono quinto e sesto. Si accende la lotta interna al Ducati Team, Iannone attacca Dovizioso in staccata alla San Donato, il numero 4 resiste ma alla curva 2 deve cedere il terzo posto provvisorio al compagno di box per poi rispondere e sorpassarlo a sua volta. La sfida tra le due Desmosedici avvantaggia Pedrosa che torna sotto alle moto italiane entrando in piena lotta per il podio.

Dovizioso sbaglia alla curva 1 e perde la terza piazza mentre Lorenzo e Marquez sono a oltre 5 secondi dal pilota di Vasto. Il talento Cervera prova l’attacco all’ Arrabbiata 2 ma sbaglia e va largo, mantiene comunque la seconda posizione e si rifà sotto. Pedrosa è vicino e sembra essere più veloce di Iannone, lo supera al secondo giro ma il numero 29 del Team riprende il terzo posto.

Ultimo giro, si accende la sfida tra Marquez e Lorenzo. Il numero 93 attacca il maiorchino alla curva 2 e lo sorpassa. Part centrali di pista, Lorenzo riprede la prima posizione ma Marquez di forza torna primo alla Palagio, ma la gara non è finita i due escono dalla Buccine affiancati, il finale è al fotofinsh con la M1 numero 99 che precede di un soffio la Honda.

Sul podio sale anche Iannone mentre Pedrosa è quarto e Dovizioso quinto. Gli altri italiani, Petrucci ottavo e Pirro decimo.

Con il successo nella terza prova del Campionato del Mondo MotoGP™ Lorenzo allunga in classifica iridata a 115 punti. 105 per Marquez e 78 per Rossi.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.