Gioia mancata per il Milan

MISTER CRISTIAN BROCCHI
“Per la prima volta ho visto qualcosa di mio in questa squadra. Ho fatto un lavoro maniacale in questi giorni. Per la prima volta ho visto la mia squadra fare quello che avevo chiesto. Penso che il Milan qualcosa l’abbia fatto vedere, purtroppo andiamo via con una sconfitta immeritata. Sono convinto che se avessimo giocato così le altre partite, la stagione sarebbe andata in maniera diversa. Ho lavorato davvero tanto per creare questo spirito ed è per questo che sono deluso perché ci credevo e mi spiace non aver dato una gioia ai tifosi. Ho visto un atteggiamento giusto, siamo stati l’unica squadra a non far giocare la Juve questa stagione. Bisogna lavorare ogni settimana e ogni partita come abbiamo fatto questa settimana”.

DAVIDE CALABRIA
“Abbiamo fatto una partita da grande squadra, abbiamo messo la Juve sotto per 120’ abbiamo preso un gol in contropiede che non dovevamo prendere. Chiudiamo la stagione con la consapevolezza di essere una grande squadra, e con la mentalità giusta avremmo potuto mettere in difficoltà chiunque. Non siamo stati all’altezza delle aspettative questa stagione e speriamo che questo sia un punto di partenza per il prossimo anno. Abbiamo preparato questa sfida molto bene, ci aspettavamo una partita combattuta, ma dobbiamo ripartire con la consapevolezza di fare di più e fare il prossimo anno un bel campionato con la testa giusta. La Juve è una grande squadra, che anche se subisce poi alla prima occasione la mette dentro, sono abituati a vincere da tanti anni in Italia. Noi dobbiamo iniziare una nuova Era per il Milan, dobbiamo ricostruire un futuro migliore per noi. Io ho sempre pensato di essere all’altezza di questa squadra, cerco di dare sempre il 100%, ho sempre cercato di lavorare. Mister Brocchi mi ha dato la possibilità di fare queste ultime partite e giocare la Finale è stata una soddisfazione incredibile. Devo dimostrare a tutti il mio valore per restare al Milan tanti anni. Adesso abbiamo un’amichevole con l’Under 21 e vedremo come andrà con le convocazioni”.

GIANLUIGI DONNARUMMA

Siamo dispiaciuti, ci tenevamo tanto a vincere questa coppa. Ce la siamo giocata fino alla fine, peccato per il risultato. Abbiamo fatto un ottima partita.
Possiamo giocarcela con tutti, l’abbiamo dimostrato stasera. Il risultato non ci è favorevole, ma abbiamo fatto una ottima prestazione.
Giocare una finale con il Milan, di cui sono tifoso, è un orgoglio. Ci tenevo tanto e volevo vincerla. Siamo dispiaciuti tutti, andiamo avanti.

Dobbiamo ripartire da qui. Stasera ci è mancato solo il gol. Dobbiamo iniziare da qui l’anno prossimo. Vedremo per la Nazionale”

ANDREA POLI
Abbiamo fatto una bella partita. Se avessimo avuto questo atteggiamento in questa stagione, avremo raggiunto altri obiettivi. Siamo stati propositivi, abbiamo avuto tante occasioni per segnare, loro all’unico episodio hanno segnato. Dovevamo ammazzare la partita ed azzanare questo trofeo, per noi, ma soprattutto per i nostri tifosi. Il pubblico ci ha acclamato tanto, purtroppo è andata così. Abbiamo voglia di ricostruire e ce la faremo.
E’ stata una gara a senso unico, con occasioni nostre nitide. Dovevamo essere in vantaggio nel primo tempo, ma oramai è passato. E’ una sconfitta che brucia, ma abbiamo un bello spirito. Credo ci siano le persone giuste per ripartire.
Quando riprenderemo, penso che questa sia stata una prova di maturità. Per ognuno di noi, può essere uno step importante. Se razionalizziamo la sconfitta, ho visto persone più mature. Calcisticamente con voglia e passione, anche se il risultato ci condanna. Ripartire da qui sarà imperativo”

MISTER BROCCHI (CONFERENZA STAMPA)
Stasera la squadra ha fatto una buona partita, ed è sotto gli occhi di tutti. Abbiamo ricevuto i complimenti da tutti. Resta il rammarico. Abbiamo perso in maniera immeritata. Stasera ho visto per la prima volta un po’ della mia mano in questa squadra. Ho visto mentalità ed atteggiamento giusto. Siamo stati puniti da un episodio. Loro hanno grandi giocatori, questo è il calcio.
A volte uno cerca scuse, ma a volte il lavoro da i suoi frutti dopo un po’ di tempo. E’ successo a tanti grandi allenatori. Noi in questo periodo abbiamo lavorato sui principi. In altre partite non li abbiamo messi in pratica, mancando anche qualche giocatore. Il rientro di Bonaventura ci ha permesso di avere un atteggiamento diverso. Forse questa settimana sono entrato nei cuori dei giocatori, tirando fuori qualcosa di improtante. Oggi abbiamo fatto una partita importante, mettendo in seria difficoltà la Juventus. Non so quante volte sia successo questo nella stagione.
Stasera ho visto per la prima volta qualcosa di mio all’interno della squadra. Lavoriamo da 40 giorni su questo. Aggressività e giocare in questa maniera. Ci vuole tempo. Non sempre si riesce da subito. Finalmente stasera posso dire di aver visto qualcosa di mio. Di questo sono contento, poi quel che sarà, sarà.
Finita la premiazione non ho ancora avuto modo di parlare con il Presidente. Immagino sarà deluso dalla sconfitta, ma non dalla prestazione.
Balotelli aveva grande voglia di giocare, ma in quel momento avevo due tre giocatori con i cambi. Ci sono stati supplementari, non potevo bruciarmi dei cambi. Dovevo aver lucidità per non commettere errori.
La posizione di Poli? Tanti hanno parlato di 4-3-3 o 4-5-1, ma abbiamo dimostrato di aggredirli alti. Per fare questo dovevamo fare uscire una mezz’ala come Poli sul loro regista. Tutto questo ha permesso alla Juventus di non giocare, credo sia stata una mossa tattica azzeccata.
Dispiace di questo momento. I tifosi vogliono vincere, portare a casa vittorie che mancano da tempo. E’ normale che dopo la gara contro la Roma vi siano certe cose, ma oggi abbiamo dato tutto. Stasera la cornice del pubblico è stata bellissima. Mi è dispiaciuto non dare una gioia ad una squadra. Mi dispiace non aver regalato questa Coppa alla squadra, che penso potevamo anche vincere.
La linea difensiva stasera penso che ci sia già tanto. Anche Josè Mauri è un 96. Giocare con così tanti giovani in Italia manca. Speriamo di poterne inserire sempre di più. Giovani di qualità, come i nostri. Calabria ha fatto una gara incredibile stasera. Spero che in futuro ce ne possano essere altri in futuro come lui” 

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7607 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.