7 dicembre 2016

Report qualifiche Aprilia

Gli impegnativi saliscendi del Mugello hanno dato vita a sessione di prove MotoGP serratissime, con distacchi ridotti e classifiche molto corte. Nelle FP4, ultime libere prima della qualifica, ben 12 piloti sono racchiusi in meno di un secondo e addirittura 17 si trovano sotto il secondo e mezzo di distacco dalla vetta.
Bautista e Bradl hanno migliorato i loro riferimenti cronometrici rispetto a ieri, Alvaro di quasi un secondo e Stefan di oltre dieci decimi. Segno di un lavoro al box svolto nella giusta direzione, nonostante le prove condotte sulle due Aprilia RS-GP abbiano previsto molti giri con gomma usata in funzione passo gara.

Nelle qualifiche i piloti dell’Aprilia Racing Team Gresini hanno cercato la massima velocità sul giro singolo, la compattezza della classifica li ha collocati in diciannovesima (Bautista in 1’48,372) e ventesima posizione (Bradl in 1’48,646) sulla griglia di partenza. La rincorsa a un piazzamento in zona punti passa quindi attraverso i 23 giri della gara di domani che vedrà i due scattare affiancati dalla settima fila.

ALVARO BAUTISTA

 

“Col motore nuovo abbiamo migliorato un po’ anche in accelerazione e in generale oggi ho avuto sensazioni migliori rispetto a ieri. Abbiamo lavorato anche sulla ciclistica e da stamani abbiamo fatto un passo in avanti, con la gomma usata abbiamo poi lavorato molto pensando alla gara e il passo non è male. In qualifica abbiamo faticato anche per il caldo che un po’ ci penalizza ma, soprattutto, in questa pista è molto importante la potenza e questo ancora non ci aiuta. In percorrenza curva e staccata siamo piuttosto avanti ma è ovvio che dobbiamo crescere e anche la gara di domani sarà una occasione importante per continuare a farlo, come sta accadendo da inizio stagione”.

STEFAN BRADL

 

“E’ un peccato perchè non siamo riusciti a migliorare quanto speravamo. Purtroppo facciamo fatica nei cambi di direzione, e se cerchiamo di migliorare in questo frangente perdiamo stabilità. Si tratta di trovare un compromesso piuttosto delicato, che anche con le molte prove effettuate oggi non siamo riusciti ad azzeccare in pieno. Continueremo ad analizzare i dati, testando qualcosa di diverso nel warmup. Sono ovviamente deluso ma non molleremo fino alla bandiera a scacchi di domani”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.