8 dicembre 2016

Ottima prestazione di Andrea Iannone

Ottimo inizio per Andrea Iannone nel GP d’Italia TIM, che si disputa questo fine settimana sul Circuito del Mugello. Il pilota abruzzese ha infatti ottenuto il miglior tempo facendo segnare un crono di 1’47”696 nella seconda sessione di prove libere.
Molto buona anche la prova di Michele Pirro, iscritto alla gara come wild card con la Desmosedici GP del Ducati Test Team. Il pilota di San Giovanni Rotondo si è classificato al terzo posto, dietro a Jorge Lorenzo, con il tempo di 1’48”245.
La giornata di Andrea Dovizioso è stata invece condizionata da un dolore al collo che ha impedito al pilota romagnolo di guidare al meglio. Dovizioso ha chiuso quindi al tredicesimo posto in 1’48”816.
Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 1’47”696” (1°)
“Sono contento perché qui al Mugello giochiamo in casa ed è una gara molto importante per noi e quindi dobbiamo assolutamente riuscire a sfruttare al meglio il nostro potenziale. All’inizio del turno del pomeriggio ho fatto un po’ di fatica perché la pista non era molto gommata rispetto ai test che abbiamo svolto qui prima di Le Mans. Abbiamo un po’ meno grip soprattutto al posteriore e all’inizio il mio feeling non era così buono. Però girando sono riuscito a trovare delle buone sensazioni e a spingere forte. Alla fine è stato un turno molto positivo, anche se domani dovremo ancora migliorare alcuni aspetti, che però abbiamo già individuato.”
Michele Pirro (Ducati Team #51) – 1’48”245 (3°)
“Sono contento che oggi, alla mia prima uscita in gara quest’anno con il Ducati Test Team, sia andato tutto bene. Abbiamo un buon passo, ma dobbiamo provare a migliorare ancora qualcosa. Sono fiducioso per domani perché oggi ho fatto diversi giri in 1’48” e, se riusciremo a migliorare ancora il mio feeling, so che potremo essere ancora più veloci.”
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 1’48”816 (13°)
“Purtroppo ho un problema di funzionalità al collo che mi impedisce di piegare la testa all’indietro e quindi sono costretto ad usare una posizione innaturale quando sono in sella. Abbiamo fatto tutto il possibile per limitare il problema con il mio fisioterapista e la Clinica Mobile e li ringrazio molto, ma in ogni caso oggi sono stato condizionato da questo inconveniente. Le condizioni della pista sono un pò diverse rispetto a quelle che abbiamo trovato durante il test di qualche settimana fa, e quindi dovremo lavorare bene per adattarci a quelle attuali.”
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.