8 dicembre 2016

Morte Pannella, Vecellio: “E’ grazie a Pannella se oggi abbiamo delle briciole di civiltà”

 

Il giornalista e attivista politico Valter Vecellio, autore del libro “Marco Pannella – Biografia di un irregolare”, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Un ricordo di Marco Pannella, scomparso oggi all’età di 86 anni. “Lo ricorderei con le parole di Leonardo Sciascia, che in un articolo pubblicato molti anni fa sul giornale spagnolo El Pais definì Pannella l’unico uomo politico che aveva il senso del diritto e della legge e che si batteva per la tutela del diritto e della legge –ha affermato Vecellio-. Le costanti della vita di Pannella sono state il metodo non violento mutuato da Gandhi, da Tolstoj, da Mandela e la costante rigorosa rivendicazione che doveva essere rispettata la legge dalle persone che quella legge l’avevano fatta e che per primi la violavano. Poi se la legge era sbagliata, Pannella disobbediva, ma la sua era una disobbedienza civile, rivendicando il processo e le conseguenze che la violazione di quella legge comportava. Ricordo che nel 1975 decise, ritenendo che la legge antidroga di allora fosse sbagliata, decise di fumare uno spinello, avvertì polizia, carabinieri, tribunali e pretese di essere arrestato. Dopo quell’iniziativa la legge venne cambiata”.

Pannella leader. “Quando ha avuto modo di essere riconosciuto e non è stato ostracizzato dai grandi media, i risultati di Pannella sono stati importantissimi –ha affermato Vecellio-. Il referendum sul divorzio tutti avevano paura di perderlo, l’unico che era sicuro di vincere era Pannella. Racconto un aneddoto che pochi sanno: esisteva nel 1974 un quotidiano che si chiamava Liberazione, diretto proprio da Pannella. Aveva dei mezzi scarsissimi e per stamparlo adeguatamente, due giorni prima del referendum venne stampata la pagina con il titolo “il no ha vinto”. Questo per dire quanto era sicuro di essere in sintonia con il Paese. Io so che sicuramente facevano paura e fanno tuttora paura le battaglie che Pannella incarnava. Possiamo citare divorzio, aborto e tante altre. Gli anni ’70 sono stati una felicissima stagione di grandi conquiste: il voto per i 18enni, il nuovo diritto di famiglia, l’abolizione del regime manicomiale di allora che era qualcosa di immondo e di criminale, la non punibilità dell’aborto. Portano tutte il timbro di Marco Pannella e dei radicali. A Pannella dobbiamo dire grazie e dobbiamo dedicargli riverenti strade, piazze e monumenti. Se noi oggi abbiamo delle briciole di civiltà, in larga misura lo dobbiamo a Pannella e a persone come lui”.

Pannella irregolare. “Il titolo del mio libro lo scelse l’editore, io avevo scelto come definizione ‘eretico riformatore’ –ha raccontato Vecellio-. Pannella voleva che leggi le facesse il Parlamento, era contrarissimo all’uso e all’abuso dei decreti legge. Era irregolare rispetto alla politica politicante, ma regolarissimo per ciò che riguardava i diritti, il rispetto della legge. Lui si batteva non per la liberalizzazione, ma per le legalizzazioni”.

Pannella e il partito radicale. “Sono orgogliosamente un pannelliano –ha affermato Vecellio-. Pannella diceva sempre che se riusciva a convincere i radicali avrebbe convinto il mondo. C’è sempre stato un gruppo di radicali che non era d’accordo con Pannella, però la storia ha dimostrato che Pannella aveva ragione e gli altri torto”.

Pannella e gli avversari. “Uno come Andreotti mi disse che Pannella anche quando graffia non fa male –ha raccontato Vecellio-. Intendeva dire che c’era sempre un qualcosa che lo rendeva accettabile perché si percepiva che non c’era un doppio fine in quello che faceva e in quello che diceva”.

Pannella e Bonino. “La Bonino fa parte di quelle persone che non hanno capito cosa sia stato, cosa proponeva e cosa rappresenti Marco Pannella, capita a molti e capita anche a lei” ha affermato Vecellio.

L’opinione di Pannella su Renzi. “Di Renzi non aveva una grande opinione, spesso lo chiamava il bullo di Firenze –ha raccontato Vecellio-. Secondo Pannella, Renzi, a torto o ragione, ha una straordinaria tattica ma gli manca completamente la strategia. E’ tanto fumo e poco arrosto.

Fonte: Radio Cusano Campus