9 dicembre 2016

#CaravaggioExperience: la mostra continua fino al 3 luglio

Continua ancora fino al 3 luglio la mostra “Caravaggio Experience”, aperta dal 24 marzo 2016, presso il Palazzo delle Esposizioni. Consiste in un’imponente video installazione originale ed inedita, che ripercorre le opere di Michelangelo Merisi da Caravaggio, utilizzando un approccio contemporaneo all’opera d’arte.

L’uso di multi-proiezioni a grandissime dimensioni, con musiche originali e fragranze olfattive, porta il visitatore ad immergersi in un’esperienza unica sul piano sensoriale, calandosi totalmente nell’arte del maestro del Seicento.

Caravaggio, soprannome di Michelangelo Merisi, artista di origine lombarda, nei suoi anni di apprendistato si muove sulle esperienze della pittura lombardo-veneta, dopo essersi trasferito a Roma matura la sua grande cifra stilistica, che lo portò ad essere uno dei maggiori riferimenti di tutta la pittura europea del XVII secolo ed oltre. La sua vita si concluse a meno di quarant’anni, passerà così alla storia come prototipo dell’artista maledetto: il genio che vive la sua vita al di la dei limiti, andando inevitabilmente incontro ad un destino tragico, perché non potrà conciliare diversamente la sua natura umana con la sua prepotente genialità.

Le opere di Caravaggio costituiscono ognuna un’icona stessa dell’arte pittorica, divenute modelli per infinite ispirazioni.

Non trasfigura mai i suoi soggetti, vediamo così che Bacco non ha le fattezze del Dio greco ma di un normalissimo ragazzo del tempo. Nei suoi quadro l’immagine è solo ciò che appare alla visione, ciò che non si vede non interessa.

Insieme al realismo l’altra grande peculiarità dell’artista lombardo è l’attenzione riservata alla luce, le sue immagini spesso sembrano apparire dal buoi grazie a sprazzi di luce: una fiaccola, uno spiraglio di finestra aperta. Così l’immagina resta circoscritta ad una parte della realtà, il resto resta avvolto nell’oscurità. Il buio che domina  queste immagini è volto quasi ad accentuarne la drammaticità.

Il buio è il luogo stesso delle nostre angosce e paure nei confronti di dolori, morte, sofferenze. I quadri di Caravaggio ci riportano proprio a questo territorio: è la pittura più drammatica mai vista fino ad allora, e rappresenta inevitabilmente quella oscurità, fatta di inquisizione e terrore, che sembra calata sulle coscienze dopo l’avvento della Controriforma.

Un appuntamento, dunque, da non perdere quello con “ Caravaggio Experience”, per scoprire l’artista e perdersi nelle sue opere al limite tra realismo e mistero.