La sicurezza dei dati e le soluzioni basate sul cloud sono in cima alle priorità degli investimenti IT europei

Toshiba Europe GmbH rivela che quest’anno la sicurezza dei dati (54%) e le nuove soluzioni cloud-based (52%) sono le aree chiave di investimento delle divisioni IT in Europa. L’azienda lo dimostra grazie a una nuova ricerca pan-europea che ha coinvolto 400 responsabili IT senior di aziende di medie e grandi dimensioni. 

Questa ricerca, commissionata da Toshiba in collaborazione con ICM Unlimited, società di ricerca indipendente, ha evidenziato le sfide che i responsabili IT devono affrontare anche a causa della sempre maggiore diffusione dei dispositivi mobile e dell’Internet of Things, e come queste tendenze stanno guidando le nuove e sempre maggiori aspettative sia dei dipendenti sia del management. Si va dalla gestione degli aggiornamenti software – considerata la sfida più importante per gli intervistati di UK (36%) e Germania (39%) che gestiscono dispositivi multipli su vasta scala – fino alla protezione del proprio business dalle minacce alla sicurezza, dovute al proliferare dei dispositivi in azienda.

Dal momento che si registrano sempre più dispositivi in grado di connettersi ai dati aziendali, con il 62% dei dipendenti in tutti i mercati che utilizza dispositivi personali, compresi smartphone (42%) e tablet (31%) per lavorare da remoto, le aziende stanno giustamente considerando la sicurezza come una priorità.

Inoltre, i risultati mostrano che molte minacce alla sicurezza IT stanno portando le aziende a eseguire frequenti revisioni: il 60% delle imprese intervistate rivede la propria strategia di sicurezza almeno una volta all’anno. Ad esempio, un responsabile IT senior su cinque in UK e Germania considera gli attacchi informatici dall’esterno come il principale rischio per la sicurezza aziendale, mentre i virus sono la prima causa di preoccupazione in Francia (22%).

Per garantire il giusto equilibrio tra la sicurezza e la possibilità di consentire al personale l’utilizzo di dispositivi di propria scelta, i responsabili degli acquisti IT giocano un ruolo fondamentale. La scarsa autonomia della batteria (41%) è una delle principali lamentele che devono affrontare i responsabili IT senior, dimostrando che le aziende devono concentrasi sull’investimento in dispositivi realizzati pensando alle esigenze delle aziende, come il Portégé Z20t-C di Toshiba che offre fino a 17 ore di durata della batteria.

Le soluzioni cloud sono un’altra priorità di investimento, aiutando le aziende a rimanere in davanti rispetto alla concorrenza dal momento che semplificano la gestione di dati, documenti e applicazioni che i dipendenti utilizzano sui propri dispositivi. Grazie al cloud computing, le aziende possono utilizzare l’IT on demand, permettendo di aumentare o ridimensionare la dotazione tecnologia in base alla crescita del business.

Make IT Work

Ulteriori risultati della ricerca e approfondimenti sono disponibili nella nuova guida Make IT Work di Toshiba, lanciata oggi in tutta Europa e disponibile per il download a questo link. E’ pensata per indirizzare le sfide che attualmente i responsabili IT devono affrontare ed è suddivisa in capitoli che enfatizzano i valori che sono alla base di tutti i prodotti e le soluzioni business di Toshiba: sicurezza, affidabilità, connessione, resistenza e semplicità di gestione.

“L’innovazione tecnologica continua a permeare sia il mondo consumer sia quello business. Permette di migliorare l’efficienza ma i responsabili IT senior in tutta Europa sono d’accordo sulla necessità che venga implementata in modo gestibile, scalabile, sicuro, affidabile e fortemente legato all’esperienza”, ha dichiarato Neil Bramley, B2B PC Business Unit Director, Toshiba Europe.

“Tuttavia, considerando che l’81% dei responsabili IT senior valuta la protezione dei dati come una priorità fondamentale nella spesa per la sicurezza IT e gli attacchi informatici come la più grande minaccia nei confronti delle aziende, è importante che i team IT mettano in pratica per primi quello che dicono”, ha aggiunto Neil Bramley. “La nostra ricerca rivela infatti che un uso non autorizzato dei sistemi e delle soluzioni IT è una pratica molto diffusa all’interno delle aziende e che i dipendenti delle divisioni IT (41%) sono quelli che più spesso infrangono le regole. Speriamo che la nostra guida possa aiutare i responsabili IT ad essere più consapevoli di queste potenziali insidie, così come delle vulnerabilità all’interno dei propri processi e infrastrutture”.

La nuova guida e la ricerca portano avanti la campagna pan-europea di Toshiba ‘Make IT Work’, lanciata a febbraio insieme ad una nuova gamma di dispositivi dedicati al business – la più ampia presentata finora che comprende le serie Portégé Z20t-C, Z30-C e i Tecra A40-C. La campagna afferma l’impegno di Toshiba nel mercato B2B, in particolare alle medie imprese e aziende enterprise.

loading...