10 dicembre 2016

Roma – Marchini: “Creeremo una città a misura di giovane. Sblocca Roma? Il governo è entrato in campagna elettorale”

Alfio Marchini, candidato sindaco a Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sondaggi. “Ci sono degli scarti talmente alti che lasciano il tempo che trovano –ha affermato Marchini-. Il mio sondaggio è quello che sento tra la gente. I risultati li vedo quando finisce la partita. Quello che mi sta a cuore è vincere la partita e non vincere i preliminari, quelli li lascio volentieri agli altri. Noi abbiamo creato un movimento che è nato per Roma. Gli altri usano Roma come un taxi,  chi per ambizioni nazionali, chi parlando a nome del governo come Giachetti, chi come la Raggi dice che se Grillo le chiede di dimettersi lei si dimette. Noi siamo gli unici che possiamo avere la certezza che ci impegniamo per Roma. Io metto la mia esperienza, quella di tutta una squadra di persone straordinarie, per fare di questa città una città finalmente vivibile”.

I giovani. “I giovani oggi sono i grandi assenti di questa città –ha sottolineato Marchini-. Voglio bloccare l’emorragia dei giovani che sono costretti ad emigrare perché non trovano speranza di futuro in questa città. Non è possibile che nel 2016 a Roma le poche biblioteche che ci sono chiudano alle 18 oppure che un giovane fuori sede debba andare a prendersi dentro al post-it sulla bacheca il numero della casa che affittano in nero a 500 euro al mese. Va creata una città a misura di giovane, dove ci possa essere tempo libero, svago, musica, università, vanno aiutati anche con un sistema di servizi pubblici che gli possa consentire finalmente di avere quell’accesso e quella semplificazione che oggi non c’è. Non è sopportabile sentire gli amici dei miei figli che dicono in continuazione che vogliono andare a vivere a Londra. Noi dobbiamo ridare a questa città ricchezza, benessere, opportunità”.

Mobilità. “Quando ero ragazzo vivevo a New York ed era evidente che c’era  il tasso più alto di delinquenza e di evasione nella metropolitana. Hanno alzato i tornelli e solo questa semplice cosa ha fatto sì che oggi la gente paga il suo biglietto e la metro di New York è completamente diversa rispetto a quella del passato. Noi lo faremo anche a Roma. Per quanto riguarda il discorso delle strade, a Londra il manto stradale è perfetto nonostante le condizioni atmosferiche. Io voglio che ci sia a Roma il manto stradale che c’è a Londra. Noi stiamo già facendo un piano d’intervento per cui sfrutteremo il periodo estivo per rimettere a posto le strade”.

Le risorse economiche. “Bisognerà fare una riflessione sui tassi d’interesse che si pagano sul debito regresso –ha affermato Marchini-. Si potranno recuperare risorse abbattendo l’evasione sui mezzi pubblici. Bisognerà fare anche operazioni di efficientamento sui costi per i servizi del Comune di Roma”.

Giachetti ha promesso lo sblocca-Roma di 1 miliardo. “Prendo atto che il governo è entrato in campagna elettorale –ha affermato Marchini-. Al di là del commento sull’opportunità, visto che hanno fatto una promessa del genere, se noi vinceremo ci dovranno dare esattamente le stesse identiche risorse, altrimenti ci incateneremo davanti a Palazzo Chigi. Non mi sembra corretto supportare un candidato, schierando il governo in prima persona”. 

Quartieri. “Il nostro piano industriale è su 10 anni, ma da subito metteremo in piedi cose concrete e pratiche e daremo risposte –ha spiegato Marchini- Il nostro modello è basato sui quartieri, ogni singolo quartiere avrà un suo responsabile e ogni responsabile avrà altre 10 persone che avranno il presidio di alcuni luoghi sia in centro che in periferia, perché oggi i cittadini non sanno a chi rivolgersi e dove sbattere la testa.

Berlusconi invadente? “Assolutamente no, mi ha sorpreso in modo positivo –ha affermato Marchini-. L’ho sentito questa mattina, gli ho detto che nelle prossime ore comunicheremo la nostra squadra. Era felicissimo, non avrei mai immaginato che ci potesse essere un politico con un approccio così laico, così aperto e così generoso nei confronti della città. Questo denota la bontà della nostra scelta di aggregare qualcuno sul nostro progetto civico, che potesse valorizzarlo rispettandolo dalla A alla Z”.

Fonte: Radio Cusano Campus