3 dicembre 2016

Roma – Ciocchetti: “Meloni è caduta nella trappola di Salvini, a cui interessa solo la leadership del centrodestra”

WCENTER 0TJGAFTGBB SIMONE SCHIAVON AG TOIATI ROMA - TERME DI CARACALLA - FINE DELLA CAMPAGNA ELETTORALE DI PIERFERDINANDO CASINI LUCIANO CIOCCHETTI

Luciano Ciocchetti, Conservatori e Riformisti, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sull’appoggio di Berlusconi a Marchini. “Io speravo che tutto il centrodestra appoggiasse Marchini, che è un candidato che rappresenta la vera discontinuità di governo –ha affermato Ciocchetti-. Purtroppo Meloni e Salvini sono rimasti su una posizione isolata, più legata alle vicende nazionali rispetto agli interessi di Roma. L’appoggio a Marchini non nasconde nessun progetto nazionale, è una cosa che riguarda Roma. Alcuni partiti hanno deciso di mettersi da parte e di convergere su un programma e su una persona che può rappresentare un riscatto per questa città. Noi abbiamo condiviso con Marchini un programma. Quello è il patto che è stato costruito. Il resto lo decide il candidato sindaco. Non ci saranno spartizioni, qui dobbiamo dare un segnale forte di discontinuità. La responsabilità è tutta sul candidato sindaco e speriamo futuro sindaco”.

No a progetto nazionale. “Il civismo funziona in una città –ha affermato Ciocchetti-. Fare una lista civica nazionale non credo porti bene e non credo sia possibile costruire un progetto politico nazionale di questo tipo. Nel caso di Roma c’è un’esigenza di una discontinuità dai partiti. Per 17 anni ha governato il centrosinistra, per 5 anni il centrodestra, rappresentato oggi dalla Meloni. C’è bisogno di un sindaco che non ha mai governato questa città, così come gran parte dei partiti che lo appoggiano. Noi siamo stati all’opposizione di Rutelli, Veltroni, Alemanno e Marino”.

Meloni e Salvini. “Il limite di questo abbraccio di Salvini a Meloni è che non è fatto sull’interesse di Roma e dei romani, è fatto sull’interesse di Salvini di diventare leader del centrodestra. La Meloni è caduta nella trappola di Salvini, mi dispiace perché la stimo. Lei per molto tempo ha detto che non voleva candidarsi, questo è stato un errore, è caduta nelle mire di Matteo Salvini, a cui di Roma non interessa nulla. Se Roma sprofondasse ancora di più Salvini ne sarebbe contento. E’ una battaglia sulla pelle dei romani per chi governerà il centrodestra nel futuro”.

Fonte: Radio Cusano Campus