9 dicembre 2016

Sen. Pelino, FI: “Renzi non ha voluto dare un giorno in più per votare perchè l’elettorato del Pd è molto inquadrato e pronto a ricevere diktat”

PAOLA PELINO

La Senatrice Paola Pelino, vice presidente del gruppo Forza Italia al Senato, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Alle amministrative e al referendum si vota solo di domenica. “Noi abbiamo cercato di convincere il premier a concedere anche la seconda giornata agli elettori poiché il voto delle amministrative coincide con un lungo ponte –ha affermato Pelino-. Questo serviva a recuperare l’astensionismo che è sempre più forte. Noi stiamo cercando di recuperare una fetta di coloro che hanno perso fiducia nella politica, nei partiti e dare un giorno in più avrebbe agevolato anche gli elettori. Sicuramente c’è una ragione politica. L’elettorato del Pd è sempre molto inquadrato e squadrato, pronto a ricevere diktat, mentre il nostro è un po’ più liberale. Non mi vengano a dire che c’è un risparmio. Il risparmio è molto limitato e comunque noi chiedevamo di accorpare il referendum sulle trivelle alle amministrative, ma volutamente non è stato fatto perché non si voleva raggiungere un quorum”.

Unità del centrodestra. “Tutto era nato sotto ottimi auspici –ha spiegato Pelino-. Noi siamo sempre rimasti dove eravamo, gli altri invece hanno scelto una cosa, poi hanno ritrattato.  A Milano la cosa è andata più che bene, a Roma invece la scelta che il presidente Berlusconi ha fatto è stata razionale, scientifica e appropriata per la nostra capitale. Scelta per il futuro? E’ tutto da vedere, per ora ci interessa fare un grande risultato alle comunali”.

Situazione economica. “L’Italia è ancora impantanata nella crisi –ha affermato Pelino-. La stessa Confindustria ogni tanto tira le orecchie a questo governo. Se non si capisce che oggi il pubblico può poco favorire l’occupazione e che l’unico elemento per abbassare i dati della disoccupazione sono le imprese. Non mi sembra che, tranne qualche lieve e debole incoraggiamento, siano state fatte politiche a favore delle nostre imprese. Ogni giorno chiudono aziende in Italia, non abbiamo investitori stranieri. Oggi un imprenditore arriva a pagare circa il 70% di tasse e come fa? Se si capisce che questa è un’esigenza del Paese, sarei io la prima a fare i complimenti a chi si attiva per politiche mirate alle imprese”.

Le dichiarazioni di Bagnasco sulle unioni civili. “Devo dare ragione a Bagnasco –ha affermato Pelino-, anche se per quanto riguarda le unioni civili noi di FI abbiamo dato libertà di voto perché era una questione etica. Noi al Senato votammo no, qualcuno ha ritenuto di votare sì. Questo non significa che siamo contrari a tutti i diritti che queste unioni dovrebbero avere. Confondere unione civili con il principio del matrimonio uomo-donna e prole, prima che essere un fatto religioso, è un fatto della nostra Costituzione. Dietro questa legge si nascondono delle insidie e qualcosa l’abbiamo già vista attraverso i pronunciamenti di alcuni tribunali”.

Infine una battuta sulla sua azienda che produce confetti. “Renzi mi ha detto che alla sua comunione c’erano i confetti Pelino –ha raccontato la senatrice-. Confetti per i matrimoni gay? La nostra è un’azienda che produce confetti per tutti. Il colore per i confetti ai matrimoni gay è il lilla”.

Fonte: Radio Cusano Campus