8 dicembre 2016

FMI e Corpo Forestale dello Stato presentano “Enduro-Italia” per la difesa del territorio.

E’ partita lunedì 16 maggio da Milano, dalla sede del Comitato Regionale Lombardia, la prima tavola rotonda tra la Federazione Motociclistica Italiana ed il Corpo Forestale dello Stato intitolata: “Enduro/Territorio. Una regola chiara, che tuteli il diritto e il dovere”.

In una sala gremita dai rappresentanti dei Moto Club lombardi, dagli appassionati, dalla stampa, da molti addetti ai lavori e financo dai rappresentanti del Club Alpino Italiano, hanno preso la parola: Paolo Sesti (Presidente FMI), Tony Mori (Responsabile Rapporti Istituzionali FMI), Marco Marcellino (Presidente Commissione Normative Fuoristrada FMI), Ivan Bidorini (Presidente Comitato Regionale Lombardia FMI), Claudio D’Amico (Comandante provinciale di Arezzo del Corpo Forestale dello Stato), Marco Mazzi (Ispettore del Corpo Forestale dello Stato), Andrea Gorfini (Vice Revisore del Corpo Forestale dello Stato) e Andrea Li Volsi (Funzionario regionale Lombardia del Corpo Forestale dello Stato).

L’iniziativa, che si collega al protocollo d’intesa firmato nel 2012 tra la Federazione Motociclistica Italiana e il Corpo forestale dello Stato, è stata organizzata con l’obiettivo di continuare il dialogo tra le due istituzioni (FMI e CFS) sulla pratica dell’attività motociclistica in fuoristrada e di sensibilizzare i praticanti tale attività al rispetto delle regole ed alla tutela del territorio. Durante la tavola rotonda, sono stati affrontati i temi del contrasto all’illegalità, del dialogo tra enti locali e regionali, del rispetto del territorio e del miglioramento della circolazione fuoristrada. Il dibattito si è svolto intorno ad un unico filo conduttore che ha trovato d’accordo tutti i partecipanti: il rispetto delle regole e la difesa del paesaggio naturale inteso come patrimonio di tutti.

E’ importante l’impegno della Federazione Motociclistica Italiana nell’ambito della circolazione fuoristrada, perché sta lavorando sulla cultura della comunità dei suoi motociclisti attraverso la disseminazione di buone pratiche che limitano i danni derivanti da una pratica motociclistica scorretta, difendendo il territorio e preservandolo per le generazioni future. La presenza di Ruy Barbosa, rappresentante della Federazione Motociclistica Cilena, testimonia come l’impegno della FMI stia diventando un caso di studio anche per altre federazioni.

Il Presidente, Paolo Sesti, commenta così l’importanza dell’incontro: “Sono convinto che, attraverso l’educazione e la sensibilizzazione degli appassionati, la pratica del fuoristrada possa proseguire senza difficoltà. Il Protocollo sottoscritto nel 2012 con il Corpo Forestale dello Stato ha un preciso fine: quello di mettere in condizione tutti i praticanti e gli organizzatori dell’attività off-road di essere dalla parte della ragione. In quest’ottica, la riunione tenutasi ieri a Milano darà il via ad una serie di incontri che avranno luogo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi anche nelle altre regioni interessate da problematiche legate alla circolazione fuoristrada”.