11 dicembre 2016

Bagnasco, Don Mattarelli: “Matrimonio gay non è un meno rispetto al sacramento, è un più rispetto alla solitudine”

A San Bartolomeo della Beverara (BO) questa sera ci sarà una veglia contro le discriminazioni, con la benedizione del parroco don Maurizio Mattarelli, che è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alle parole del cardinal Bagnasco sulle unioni civili. “Penso che bisogna stare alla realtà dei fatti e non tanto agli spauracchi di quello che potrà riservare il futuro –ha affermato don Mattarelli-. L’importante è stare vicino alle persone durante il loro cammino anche difficoltoso di conoscenza di sé. Preferisco incontrare le persone. Davanti a me non ci sono problemi, ci sono persone. Ricordo sempre con grande gioia e commozione un incontro avuto qualche anno fa. Ero andato alla sede dell’arcigay di Bologna per una rappresentazione teatrale. Io non ero vestito da prete, ho fatto i complimenti ad un giovane attore e parlando lui mi ha chiesto che mestiere facessi. Gli ho detto di provare ad indovinare. Lui ha chiesto se fossi un chirurgo, perché lui era un transessuale e desiderava l’operazione. Alla fine gli ho detto che ero un prete e lui, con un’espressione dolcissima, sorridendomi, mi ha detto: “sono contento che sei qui”. E quella frase mi è rimasta proprio nel cuore. E’ uno degli incontri più belli della mia vita, esprime quello che dovrebbe essere ogni cristiano e ogni sacerdote. Persone che stanno lì vicino, che accompagnano e condividono”.

La paura del diverso. “Questa sera nella veglia dirò che la paura verso il diverso nasce a volte dal fatto che si ha paura di perdere la propria identità –ha spiegato Don Mattarelli-. Chi ha posizioni diverse, fa scelte diverse, lo teniamo lontano per paura, ci sembra che sia in pericolo la nostra identità. Penso che molti cristiani abbiano questo atteggiamento di difesa perché hanno paura. Il problema è come si concepisce l’identità: se viene percepita immobile, rigida, qualsiasi cosa esterna la minaccia. Se invece l’identità cristiana viene intesa come qualcosa di vivo, di vitale, allora l’incontro con l’altro non è più un attentato, è la possibilità di una crescita, di un’evoluzione. Il mio gruppo raccoglie persone di Bologna ma anche fuori Bologna. Nella mia parrocchia c’è un atteggiamento di grande disponibilità. Ho ricevuto stamattina un’email da parte di una donna di un comune vicino che stigmatizza questa mia iniziativa, con toni abbastanza decisi. Ha detto che disapprova la cosa e che riferirà anche al vescovo. Io non ho risposto”.

Celebrerebbe un matrimonio tra gay? “Bisogna vedere cosa intendiamo per matrimonio –ha affermato Don Mattarelli-. La questione è più formale che non di contenuto. Mentre prima si valutavano le cose a partire dall’alto, adesso si parte dal fatto e poi si valuta in base alla prospettiva finale. Ogni cosa dovrebbe essere valutata così, è un modo di vedere le cose dal basso, un gradino verso una certa meta e non come una mancanza. L’unione omosessuale non è un meno rispetto al matrimonio, è un più rispetto alla solitudine. Il matrimonio civile non è un meno rispetto al sacramento, è un più rispetto alla semplice unione. E’ vedere le cose in progressione e in cammino, valutando positivamente quello che di positivo c’è”.

Fonte: Radio Cusano Campus