8 dicembre 2016

Democrazia malata

21st September 1963: Black American civil rights leader and Baptist minister Dr Martin Luther King (1929 - 1968) raising his hands in a restaurant. (Photo by William H. Alden/Evening Standard/Getty Images)

Tre settimane fa si è tenuto un referendum ed il risultato principale ha visto sconfitta la democrazia. Quando il popolo, a mio parere, non partecipa alle consultazioni elettorali, c’è una sola grande ammalata, appunto la democrazia. Facciamo una riflessione in merito. Renzi ha affermato, con un ragionamento contorto come quello sui dati sull’aumento dell’occupazione, che ha utilizzato l’astensione per manifestare le proprie idee.

 

In un paese democratico, di solito, un uomo democratico utilizza il voto per manifestare il proprio orientamento e non ha paura di quello che pensano gli altri. Il premier non eletto ha puntato, invece, sull’astensione, condita da disinformazione, per dimostrare ancora una volta che a scrivere il suo programma sono le lobby e che mira a soddisfare unicamente i loro interessi.

 

La circostanza, poi, che un pubblico ufficiale inviti all’astensione fa capire il livello basso che ha raggiunto la nostra democrazia. Il referendum è uno strumento di manifestazione della volontà popolare ed invitare a disertare le urne evidenzia il tipo di rispetto che si ha dei cittadini. Il buon Matteo, però, in realtà è consapevole d’essere un perdente, perchè un vincente non avrebbe mai diviso il voto referendario da quello amministrativo. I gufi che attendono sulla riva del fiume aumentano giorno dopo giorno, stia sereno….

 

 

Qualcuno ha parlato di ostacoli all’esercizio del voto. Una cosa sporca l’ho vissuta in prima persona proprio la domenica del voto: dovendo sostituire la tessera elettorale perché piena di timbri, verso le dieci del mattino mi ero recato presso la sede del comune nel mio quartiere, Ponticelli, per averne una nuova. Bene, c’era una folla enorme, con un solo computer a disposizione per questa funzione. Quaranta minuti di attesa per esercitare il primo dei propri diritti/doveri, durante i quali molte persone, specie di una certa età, vista la marea di gente e l’attesa hanno preferito fare dietro front e rinunciare al voto. Cosa c’è di sporco? Siete abbastanza intelligenti per comprenderlo da soli.

 

La cosa più sporca, però, che ho notato quella domenica volete sapere qual è stata? L’astensionismo! Ho visto tante persone fregarsene della democrazia, della società nella quale vivono insieme ai propri genitori e figli; bacheche dei social network piene, urne vuote. Costoro avranno una possibilità di dimostrare che il loro è stato uno sbaglio; a giugno si voterà in molte città e mi auguro che eserciteranno questo diritto/dovere.

 

 

Allora viviamo in una società malata irrimediabilmente? Non tutto è perso, anzi. Il 33% di italiani che si sono recati alle urne sono la base di partenza per rivoluzionare un paese che è sempre più lontano parente di una nazione civile, moderna ed efficiente. Non sono nessuno ma non smetto di lottare per migliorare il mondo che un domani sarà dei miei nipoti. Si è persa una battaglia ma prima della vittoria finale la storia ci insegna che bisogna passare sempre per una Caporetto o per delle Forche Caudine.

 

Soprattutto bisogna passare per la propria coscienza, per comprendere se lo schifo che ci circonda è roba nostra o roba altrui. D’ora in poi gli italiani saranno sempre più divisi. Da una parte ci saranno quanti non si arrendono e si impegnano per trasformare la nostra bella nazione in uno stato moderno, civile e rispettoso dei suoi cittadini. Uno stato dove è permesso ad un cinquantenne di rientrare nel circuito del lavoro, dove l’ambiente è una risorsa da rispettare e non mortificare, dove i bambini hanno diritto ad una educazione scolastica senza fare affidamento sulla carta igienica portata da casa o sulla buona volontà di pochi insegnanti martiri, dove chi si ammala ha gli stessi diritti a prescindere se è figlio di quello o amico di quell’altro, dove gli anziani possono vivere dignitosamente con una pensione degna d’essere chiamata tale e non vergognosa carità.

 

Dall’altra parte ci saranno tanti piccoli satrapi con tanti piccoli esseri al loro servizio. Omuncoli che vivono il loro sporco potere come una sorta di beneficio divino, dove tutto è permesso, specie l’umiliazione di coloro che srotoleranno le proprie lingue in attesa di un tozzolo di pane chiamato precariato, in realtà vera e propria schiavitù.

 

Diceva il tipo della foto che la politica si occuperà sempre di voi, a prescindere il vostro interesse; non dimenticatelo!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.