8 dicembre 2016

Esposito contro Fedez: “Pensi a cantare e non faccia comizi”

Il senatore del Pd, e vicepresidente della Commissione Lavori Pubblici, Stefano Esposito, durante la conferenza stampa di presentazione di un ddl per l'introduzione del "debat public" che prevenga conflitti sociali nella realizzazione di infrastrutture, presso la Sala Nassiriya al Senato, Roma, 23 aprile 2015. ANSA/ CLAUDIO PERI

 

Stefano Esposito, senatore del Partito Democratico, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Esposito ha messo in guardia Fedez, che si esibirà a Torino in occasione della chiusura del Giro d’Italia: “Si registra una situazione particolare, che segnalo a futura memoria. Conoscendo Fedez, noto per le sue simpatie politiche, trovarlo a fare un concerto una settimana prima della chiusura della campagna elettorale, a Torino, pagato anche con i soldi dei contribuenti, gli ho voluto far sapere che siamo una grande città aperta a tutti gli show artistici, ma che si ricordi che ci sono elezioni, quindi faccia un concerto ma non faccia propaganda. Democratici sì, ma fessi no. Si ricordi che non suona per il movimento cinque stelle, ma per la chiusura del giro d’Italia, quindi ci risparmi le sue opinioni politiche. A Torino diciamo uomo avvertito mezzo salvato. Lui deve cantare. Quello è il suo mestiere. Pensate se il 29 a quel concerto avesse suonato Gianni Morandi, che è noto per essere amico di Fassino. Avrebbero cominciato a dire che c’era un complotto e che con i soldi del contribuente in occasione del giro d’Italia il Pd avrebbe pagato la campagna elettorale”.
AUDIO 
http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=8346

Fonte: Radio Cusano Campus