8 dicembre 2016

Ardea – Equitalia, il contribuente è sempre tenuto a pagare?

FOTO DI REPERTORIOFoto LaPressecronacaLa scure di Equitalia su Luca LaurentiNella Foto La sede di Equitalia
Il 10 febbraio 2016, sul quotidiano “Il Giornale”, si leggeva in prima pagina il seguente testo: “Scandalo Equitalia, in 15 anni 217 miliardi di cartelle false.” A questo articolo, ha fatto da eco quanto riportato dal quotidiano “Corriere della Sera” (20/04/2016), in merito al debito degli italiani nei confronti dell’Erario. In un’audizione in Commissione Finanze alla Camera, l’Amministratore Delegato di Equitalia, Ernesto Maria Ruffini, evidenziava quanto segue: “La riscossione riguarda per il 53-54% il debito sopra i 100.000 euro e solo il 2-3%, quelli inferiori a 1.000 euro”. Come sappiamo, Equitalia è una società per azioni a totale capitale pubblico (51% in mano all’Agenzia delle entrate e 49% all’Inps) ed è un Ente incaricato all’esercizio di attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi.
Sempre più spesso, però, questo Ente pensato inizialmente per agevolare le procedure di recupero del pagamento delle tasse e delle imposte anche attraverso una mediazione, è visto da noi contribuenti come una vera e propria mannaia sulle nostre teste. In questo periodo storico sociale e culturale, particolarmente, difficile da un punto di vista economico, molti italiani già umiliati da una condizione lavorativa precaria, se non addirittura assente, dove il potere di acquisto per le famiglie si è ridotto ai minimi termini ed in alcuni casi, troppi, si è azzerato, la scure di Equitalia getta ancora di più sconforto tra la nostra popolazione. A poco, è servito l’apertura dello “Sportello amico” e “Sportello imprese”, istituiti dall’Ente di riscossione dei tributi e contributi. Purtroppo, tali iniziative, anziché favorire un dialogo ed una mediazione plausibile finalizzata alla ricerca e all’attuazione di possibili soluzioni con i contribuenti, quest’ultimi come già su accennato penalizzati da una forte crisi economica, hanno incrementato la paura costante nelle persone di non farcela a pagare l’eventuale debito riconosciutogli. È doveroso ricordare anche le tante vittime cui abbiamo dovuto assistere in questi ultimi anni, a causa di una pressione fiscale altissima e la contestuale condizione negativa dei mercati economico produttivi nel nostro Paese. Troppe sono state le persone che si sono uccise per i debiti che l’Erario rivendicava loro, senza che quest’ultimo gli desse una possibile, concreta e fattibile via d’uscita per risanare la propria posizione debitoria, laddove realmente maturata. Quanto suddetto, lascia ancora di più sbigottiti e amareggiati, per non aggiungere altro, quando si leggono notizie in prima pagina che evidenziano una irregolarità quindicennale esercitata, proprio, da chi dovrebbe manifestare trasparenza e correttezza procedurale nella verifica, conferma e notifica di atti impositivi: Equitalia. I 217 miliardi di cartelle false, erogate in 15 anni e tante altre anomalie che lo stesso Ente continuamente mette in atto, non possono e non devono più passare inosservate. A questo punto la domanda spontanea è: “come può far valere i propri diritti un comune cittadino, pensionato, imprenditore, libero professionista, artigiano, operaio, ecc., e difendersi dai possibili soprusi e dalle vessazioni cui è continuamente soggetto, senza cadere vittima di eventuali cavilli giuridici di cui ignora l’esistenza e per i quali, poi, arriva anche a commettere gesti estremi?”
Le risposte a questo ed altri quesiti, le potremo ascoltare il prossimo 20 maggio 2016 presso la Sala Consiliare “Sandro Pertini” (ore 17:00) Via Laurentina Km. 32,300, all’evento Patrocinato dal Comune di Ardea e organizzato dai cittadini, imprenditori, associazioni culturali del territorio, in collaborazione con la Lega Consumatori (Sede di Pomezia), dal titolo: EQUITALIA: COME DIFENDERSI DA RICHIESTE INDEBITE? L’Avv. Franco Muratori, stimato esperto in Diritto Tributario e Bancario, ci illustrerà le diverse anomalie che possono presentare, come già rilevato, le cartelle esattoriali e soprattutto, ci informerà su cosa e come fare per difendersi da eventuali richieste indebite esercitate dall’Ente Equitalia, evitandoci di commettere possibili errori dai quali diventerebbe difficile uscirne. È bene evidenziare che, viste anche le notizie riportate sui quotidiani e relative alle forti anomalie riscontrate nelle cartelle esattoriali inviate ai contribuenti da Equitalia, non sempre, quello che ci viene detto di pagare è da noi dovuto.
L’invito a partecipare all’evento del 20/05/2016, diventa un appuntamento a cui dobbiamo partecipare se intendiamo sapere come tutelare i nostri diritti e come difenderci dalle indebite richieste di Equitalia.
Articolo a cura del Dott. Massimo Catalucci