7 dicembre 2016

Fumo, per il 14% dei 15enni è un’abitudine quotidiana

In Italia il vizio del fumo è ormai un’abitudine quotidiana per quasi il 14% dei ragazzi quindicennie il 13,3% delle ragazze, l’8% dei tredicenni e l’1% degli undicenni. Numeri in forte aumento soprattutto tra le giovanissime, che sperimentano il fumo ben prima dei coetanei maschi. Sono alcuni dati che emergono dal sondaggio condotto dall’Associazione italiana di Oncologia Medica attraverso la app ‘Con le sigarette… Meglio smettere’, scaricata da migliaia di studenti italiani. L’indagine fa parte della prima campagna nazionale contro il tabagismo lanciata nel gennaio scorso dall’Aiom e resa possibile da un educational grant di Msd Italia. I risultati dell’iniziativa sono stati presentati oggi nel corso di un convegno all’Auditorium del ministero della Salute.

Si inizia a fumare mediamente a 17,9 anni– hanno fatto sapere gli esperti- con un gap tra uomini e donne di due anni e un mese (17 gli uomini, 19,1 le donne). Il 72,7% dei fumatori ha iniziato a fumare tra i 15 e i 20 anni e il 12,9% (17% uomini e 6,7 donne) prima dei 15 anni. Fra i 15enni, inoltre, il 25% dei ragazzi e il 22% delle ragazze dichiara di aver acceso la prima sigaretta a 13 anni (o anche più giovani)”.

Tra le motivazioni all’iniziazione, la principale rimane quella dell’influenza degli amici, con un 61,3%: tale percentuale aumenta fino al 79,8% nella fascia d’età compresa fra i 15 e i 24 anni. “Nel 2014- hanno proseguito dall’Aiom- la percentuale degli studenti di 15 anni che dichiara di aver fumato almeno una volta nella vita è il 42,1% tra i ragazzi, mentre sfiora il 50% tra le ragazze. Valori più bassi si rilevano invece tra i 13enni (19,7% le ragazze e 18,5% i ragazzi) e tra gli 11enni (3,7% i ragazzi e 2,5% le ragazze). È importante notare che, a parte tra gli 11enni, le ragazze sperimentano il fumo più dei ragazzi e sono in aumento. Sempre nel 2014, infine, gli studenti 15enni che dichiarano di fumare tutti i giorni sono il 13,8% dei ragazzi e il 13,3% delle ragazze. L’andamento- hanno concluso- è in crescita rispetto al 2010”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5980 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.