4 dicembre 2016

Genzano – Due prestigiose mostre al Palazzo Sforza Cesarini

 

Il percorso intrapreso negli ultimi anni per la promozione e valorizzazione del complesso monumentale del Palazzo e Parco Sforza Cesarini ha suscitato l’attenzione di molti addetti ai lavori ed osservatori esterni, attirando migliaia di visitatori e accompagnando la crescita di una credibilità culturale e amministrativa di Genzano di Roma. Ciò ha portato i suoi frutti sia in termini di qualità delle mostre, di arte contemporanea e classica, realizzate dall’estate del 2014 ad oggi, sia in termini di considerazione raggiunta all’esterno. È da questo percorso che nascono anche la mostra di reperti archeologici recuperati dalla Guardia di Finanza, “Symposium. A tavola tra mito e cultura”, e “La collezione Hager-Sportelli”, una prestigiosa donazione di 114 opere – tra dipinti, disegni, sculture e incisioni, prevalentemente del ‘600 e ‘700 – da parte di Hellmut Hager, illustre storico dell’arte e uno dei massimi studiosi delle figure di Carlo Fontana, Bernini e Juvarra.

L’esposizione di opere provenienti dall’indotto antiquario clandestino, recuperate in extremis  grazie all’attività di tutela esercitata dal Nucleo Polizia Tributaria Roma della Guardia di Finanza, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria meridionale, e con la cura scientifica della dott.ssa Giuseppina Ghini, approda, con una selezione di opere del corpus originario, al Palazzo Sforza Cesarini dopo il tour negli Stati Uniti d’America, svoltosi tra l’ottobre 2014 e il maggio 2015, e l’esposizione presso il Museo delle Navi romane di Nemi. Va sottolineato come il tema della mostra “Symposium” si innesti coerentemente in una vocazione intrinseca del Palazzo e del suo contesto territoriale. Dall’ottobre del 2015, infatti, questo edificio è anche sede legale e di rappresentanza dell’Associazione Nazionale Città del Vino.

“La Collezione Hager-Sportelli”, grazie alla sinergia con il Comune di Ariccia, il Palazzo Chigi, e il suo conservatore, arch. Petrucci, e con la cura scientifica del dott. Adriano Amendola, giunge, a riprova del lustro goduto dalle precedenti iniziative espositive, quale importante traguardo per Genzano e i suoi abitanti, eleggendo la nostra città a punto di riferimento culturale, grazie a una vivace programmazione in grado di articolare iniziative di valorizzazione dei beni in essa custoditi. I collezionisti Hellmut Hager e Maria Antonietta Sportelli hanno dedicato la loro esistenza all’arte e alla bellezza e la raccolta donata al Comune di Genzano è l’ultimo atto di un lungo impegno verso la conoscenza storico-artistica a livello internazionale.

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it