4 dicembre 2016

Roma – Storace, La Destra: “Marchini ha conquistato il nostro popolo”

Francesco Storace, leader de La Destra, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Ieri Storace ha incontrato il candidato sindaco di Roma Alfio Marchini. “E’ stato un incontro molto bello –ha affermato Storace-. Marchini ha fatto un discorso mai banale, bello, appassionato, che ha colpito il nostro popolo. Questo mi ha fatto molto piacere perché vuol dire che la scelta è stata giusta. Quando annunciai che avrei appoggiato Marchini nell’assemblea con i nostri candidati, uno solo di loro si era tirato indietro, ma non per motivi politici. C’è stata quindi l’unanimità di candidati e questa è stata una cosa molto bella. Ho visto sulla rete degli attacchi incredibili, sembra che stiamo appoggiando Stalin. Questa è una sciocchezza. Ieri Marchini stesso ci ha detto che suo nonno voleva che lui diventasse comunista, ma lui non ha mai votato comunista, ha sempre votato repubblicano. Ci ha raccontato che quando nel ’76 vinse Argan, i Marchini hanno fatto fagotto da Roma, avevano paura perché la sinistra e il lavoro non si conciliano. Poi ha detto che Mussolini è stato un grande urbanista. Vuol dire che c’è anche il coraggio nella ricerca della verità storica. C’è chi ha detto che lo fa per accaparrarsi 4 voti… Allora vuol dire che quelle cose che ha detto sono vere. Se invece dici queste cose rischiando elettori di sinistra, io sono ancora più contento. A me ha fatto molta più rabbia Giorgia Meloni che ha detto che è nata nel ’77 e lei non c’entra niente con sta roba. Io sono nato nel 1959 dopo Cristo e continuo ad andare a messa. Non è che la storia si cancella perché sei nato dopo”.

Fonte: Radio Cusano Campus