4 dicembre 2016

Roma – Sequestro record di Shaboo, in manette due cittadini filippini

 

Più di due chili, precisamente 2,258 kg, di shaboo,  recuperati dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trionfale, costituisce sicuramente un sequestro record in Italia e uno dei più importanti in Europa per questo particolare tipo di sostanza stupefacente, che immessi sul mercato avrebbero fruttato più di milione di euro. I militari li hanno sequestrati a fratello e sorella filippini, di 41 e 33 anni, in Italia da anni, che sono stati arrestati.

A bordo della loro auto, i due stavano percorrendo una strada contromano a Roma quando sono stati notati da una pattuglia di Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trionfale che li ha fermati per contravvenzionarli. I due sono subito apparsi molto nervosi e i militari hanno voluto approfondire. E’ stato così che presso la loro abitazione è stato rinvenuto l’ingente quantitativo di questa pericolosa sostanza, in parte nascosta in dei barattoli di latta.

Il prezzo di un grammo di Shaboo varia tra i 350 ai 450 euro e per una dose singola ne bastano solo 100 milligrammi (0,100 grammi).

Altri termini con cui viene identificata questa droga sono “Ice”, “Shabu” (in uso nelle Filippine) e ” Crystal meth”. E’ la forma più pura della metanfetamina, ovvero cristalli, solitamente limpidi, di d-metanfetamina cloridrato (che ricordano il ghiaccio e il sale grosso). E’ una droga proveniente dalle Filippine, ma è diffusa anche in Giappone e Corea. Viene generalmente fumata per mezzo di piccole pipette di vetro, ma può anche essere iniettata, masticata, assunta tramite la pelle o se ne possono respirare i vapori riscaldandola all’interno di un recipiente di vetro. Allontanando la fonte di calore, la sostanza si solidifica e può essere riutilizzata per nuove assunzioni. L’effetto è eccitante come quello prodotto dalla cocaina, ma molto più lungo e intenso (dalle 8 alle 24 ore). Per questa caratteristica molti consumatori preferiscono questa sostanza alla cocaina. Provoca euforia, eccitamento, abbassamento dei freni inibitori, innalzamento massimo del livello di attenzione associati a inappetenza, aumento del battito cardiaco e affanno. Così come per le anfetamine, lo shaboo può causare insufficienza renale e complicazioni cardiache. A livello psicologico si sono registrati, nei consumatori abituali, casi di marcata aggressività, allucinazioni, comportamenti violenti, paranoia e umore depresso dovuti all’instaurarsi di uno stato di dipendenza.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.