9 dicembre 2016

Unioni Civili, Civati: “Scalfarotto diceva che senza stepchild è una legge monca, ora ha cambiato idea”

Giuseppe Civati, deputato di Possibile, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alle unioni civili. “Scalfarotto dice cose non vere, come il governo –ha affermato Civati-. Io non ho votato contro, mi sono astenuto. Ci siamo astenuti noi e i 5 stelle. Mi sono astenuto perché ero contro la fiducia, mettere la fiducia sulle unioni civili significa essere disperati. C’è una strisciante arroganza di Scalfarotto, che ha sempre detto che senza stepchild sarebbe stata una legge monca, che se non l’avessero messa nel ddl li avrebbero rincorsi col machete. Adesso che lo dico io che è una legge monca divento antipatico. La legge che abbiamo approvato ieri in Francia l’hanno votata 17 anni fa. Noi siamo arrivati ultimi dopo la Grecia a votare questa legge, ampiamente superata dagli altri Paesi europei. Questa legge è un passo in avanti, ma in un’epoca in cui ci si aspettava qualcosa di più. Le famiglie arcobaleno non vedono riconosciuti i propri diritti. Alcune associazioni erano da tempo per la mediazione, nonostante ci siano delle discriminazioni in questa legge. Il nostro voto di astensione è un festeggiamento a metà. La Cirinnà diceva che senza la stepchild si sarebbe dimessa, almeno la stepchild ce l’aspettavamo. Faremo politica perché siano estesi questi diritti che sono ancora in uno stato poco avanzato. Se i grillini fossero stati davvero così lineari sui matrimoni egualitari avrebbero fatto saltare gli equilibri precari del governo. Oggi da quello che si legge sembra che abbiamo fatto la legge più innovativa del mondo. Sono felice con chi è contento, ma più che una svolta storica direi che è un giorno mediamente buono. Siamo sempre il fanalino di coda in Europa”.

Le larghe intese. “Capisco che la Boschi fosse molto contenta ieri perché nello schema dell’alleanza con Alfano e Verdini questa è la migliore legge che si potesse avere –ha spiegato Civati-. E’ uno schema democristiano di un grande centro, che di volta in volta sceglie come votare. Sull’ambiente è un governo molto di destra, così come sul lavoro, sui diritti si sposta un po’ a sinistra. E’ lo schema delle larghe intese e del partito della nazione. In Germania, Francia, Inghilterra sono state approvate leggi per i diritti con i conservatori al governo, si tratta semplicemente di prendere atto di un cambiamento della società”.

Infine una battuta sulla vicenda di Pizzarotti. “E’ la dimostrazione che la tesi complottistica nei confronti del Pd non esiste, perché indagano anche gli altri” ha affermato Civati.

Fonte: Radio Cusano Campus