4 dicembre 2016

Roma – Salvini: “Rifiuto delle liste di Fassina? C’è un accordo tra lui e Renzi”

MATTEO SALVINI

 

Matteo Salvini, leader della Lega, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it),  nel corso del format Ecg Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Salvini ha commentato di nuovo la legge sulle Unioni Civili: “Il governo ha scelto di ricorrere alla fiducia perché Renzi è arrogante di suo, è contrario a qualsiasi dibattito, a qualsiasi discussione, a qualsiasi proposta magari anche migliorativa. C’è lui e tutto il resto conta zero. Peccato che in ballo ci siano le vite di milioni di persone, quindi scelte così impegnative che poi porteranno alle adozioni gay o alla reversibilità per le coppie gay penso che un’oretta discussione l’avrebbero meritata. Renzi va avanti dritto, ma pagherà questa sua arroganza perché si sta inimicando l’intero Paese. Alcuni passaggi della legge sulle unioni civili sono addirittura discriminanti per le coppie eterosessuali. Il discorso della reversibilità per le coppie gay mentre viene messa in discussione la reversibilità per le vedove e i vedovi è una follia. E poi questa è una legge che apre la strada alle adozioni gay”.

Salvini è convinto che Renzi presto pagherà alcune scelte: “Renzi pagherà già alle elezioni amministrative, sta facendo il gradasso in giro per l’Italia, evitando il confronto. A me piacerebbe molto avere un confronto con lui, sulle cose fatte, sulle cose da fare, sulle tasse. Invece lui non si confronta con nessuno, fa solo monologhi. E già alle elezioni amministrative verrà punito”.

Poi su Roma: “Marchini sorpassa Giorgia Meloni a destra? Fortuna che era libero dai partiti. E’ così libero dai partiti che ha imbarcato Berlusconi, Fini, Casini, Alfano, Alemanno, Storace. Girando per Roma penso che sarà premiata la nostra scelta di coerenza. Noi non abbiamo tirato dentro vecchi dinosauri della politica che a Roma hanno già fatto abbastanza danni. Marchini può inventarsi quello che vuole, ma la sua compagnia a Roma ha già fatto un sacco di danni”.

Da Salvini una battuta anche sulle liste legate a Fassina: “Non so se il suo 3 o 4% possa essere destinato a Giachetti, se uno è veramente di sinistra può votare tutti tranne Renzi, che ormai rappresenta il partito dei banchieri, delle multinazionali e dei poteri forti. Nessuno però mi toglie dalla testa che tra Fassina e Renzi ci sia un accordo, perché mi rifiuto di pensare che la base di sinistra non riesca a raccogliere un numero sufficiente di firme a Roma. Quindi penso e temo che ci sia la manina di Renzi dietro a questo rifiuto della lista di Fassina. I romani, comunque, voterebbero anche un marziano pur di non avere un altro del Pd come sindaco”.

Infine sul libro, Secondo Matteo: “Non mi aspettavo questo successo, mi stupisce e sono felice soprattutto del fatto che anche a Roma e in tante altre città al centro e al sud il libro sia andato esaurito. Saviano ha lanciato l’idea di affiancare il libro di Hitler al mio? Chi mi paragona a Hitler, ai nazisti, chi brucia o strappa o libri, è un poveretto. I libri si leggono, poi uno può essere d’accordo o non d’accordo. A me il libro di Saviano non è piaciuto, mentre invece mi pare la serie tv Gomorra. Comunque manderò una copia del mio libro a Saviano, così vediamo se riusciremo a fargli cambiare idea. E nella dedica scriverò “con tanto affetto…”

Fonte: Radio Cusano Campus