5 dicembre 2016

Roma – Di Stefano, CasaPound: “Grazie alla Boschi per la pubblicità gratuita”

 

Simone Di Stefano, leader di CasaPound, candidato sindaco di Roma, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Di Stefano ha commentato l’uscita della Boschi: “Cosa ho pensato della sua affermazione? Sono stato contento dell’affermazione e contento della pubblicità, mi dispiace che ci sia questo isterismo sul fatto ‘no io non sono come CasaPound’, Cuperlo voterà come voteremo noi, c’è poco da fare, la Boschi da questo punto di vista ha ragione. Se la Boschi facesse un’altra uscita così a pochi giorni dalle elezioni di Roma io le manderei un mazzo di rose rosse enorme e sfavillante”.

Su Marchini e la sua dichiarazione a proposito di unioni civili: “Penso che bisognerebbe parlare di altro. Roma ha priorità diverso rispetto a quelle che dominano questa campagna elettorale.  Marchini strizza l’occhio alla destra? Per me rimane un comunista, di famiglia comunista, con intrecci molto importanti con Massimo D’Alema, per cui magari vedendo la Mussolini candidata nelle sue liste penso che tutti e due i nonni, sia quello di Marchini che Mussolini, si staranno rivoltando nella tomba. Il nonno di Marchini era un partigiano, praticamente ha ucciso Mussolini, fu l’organizzatore dell’attentato di Via Rasella, pensate a come potrebbe sentirsi vedendo Alessandra Mussolini nella lista del nipote”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=8253

Fonte: Radio Cusano Campus