8 dicembre 2016

Giustizia, Casson, PD: “Scontro politica-magistratura? Il primo ad alzare i toni è stato Renzi”

29/10/2013 Roma, un caffè con... Felice Casson

Felice Casson, senatore del Pd ed ex magistrato, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Il tema della giustizia è sempre molto delicato e per certi versi è scontato che ci siano divergenze e scontri anche all’arma bianca –ha affermato Casson-. La storia dei rapporti tra politica e magistratura è fatta di alti e bassi e sarà sempre così, visti i temi che si trattano. Quando si ha a che fare con i diritti fondamentali delle persone e con la loro libertà, è ovvio che da una parte c’è chi dovrebbe fare le leggi e farle anche bene, e dall’altra c’è chi le deve interpretare e applicare. Alle volte sorgono dei contrasti quando ci sono le indagini su politici corrotti. Bisognerebbe mantenere sempre i toni adeguati e non esagerare. Ci può essere una critica da una parte e dell’altra, ma sempre nella maniera dovuta, non è necessario che ci siano insulti e aggressioni verbali, come a volte capita di vedere”.

Le dichiarazioni di Davigo. “Il primo ad alzare i toni –ha affermato Casson- è stato il Presidente del Consiglio, che in Senato ha parlato di barbarie giudiziarie e usando espressioni che non si sentivano da molti anni, dall’epoca berlusconiana. Davigo quelle cose le ha sempre dette, ora che è presidente dell’Anm, magari dovrebbe usare toni un po’ diversi. Però credo che sul contenuto delle dichiarazioni di Davigo ci sia poco da discutere. Che la corruzione sia molto diffusa e che in alcuni casi non ci sia neanche il senso di vergogna è la realtà, condivido queste dichiarazioni. Poi è anche vero che in politica non sono tutti corrotti”.

Il Ministro Orlando ha detto che i magistrati non dovrebbero schierarsi così apertamente come ha fatto Morosini. “Non sono d’accordo neanche un po’ con Orlando e nemmeno col vice presidente del Csm Legnini –ha affermato Casson-. Qui si tratta di un referendum costituzionale e la Costituzione viene prima di qualsiasi maggioranza e qualsiasi governo. Chi ha nozioni e chi ha capacità di approfondire i temi fa benissimo ad intervenire da un punto di vista tecnico-giuridico. Ovviamente la critica partitica è un’altra cosa. La politicizzazione che è stata fatta di questo referendum è sbagliata proprio da un punto di vista costituzionale. Che un governo si faccia promotore di una riforma del potere legislativo lo trovo fuori dallo spirito della Costituzione. E’ il Parlamento che deve intervenire e valutare”.

Si prospetta un progetto di riforma del Csm. “Se ne parla da tempo –ha affermato Casson-. Fino a questo momento non si è arrivato ad alcun progetto di legge concreto. Vediamo cosa verrà presentato e poi si discuterà nel merito. Che ci sia necessità di intervenire su alcuni temi sono pienamente d’accordo”.

Il lodo Falanga. “L’espressione lodo Falanga è giornalistica e non corrisponde nel merito a quello che viene proposto –ha spiegato Casson-. Una senatrice del Pd, Rosaria Capacchione, ha già predisposto un emendamento del genere per far trattare con priorità i processi sulla corruzione. Anche nella passata legislatura l’avevamo proposto, ma il centrodestra ha sempre detto di no. Se ha cambiato idea ben venga, ma non pensiamo che questo lodo sia risolutivo”.

Fonte: Radio Cusano Campus