5 dicembre 2016

Pace fatta tra Ciclismo e Motociclismo

Dopo le polemiche dei giorni scorsi sul video di promozione del Giro d’Italia che esaltava il ciclismo ai danni del motociclismo, si è svolto oggi, presso la sede della Federazione Motociclistica Italiana, l’incontro tra il Presidente Paolo Sesti ed il Presidente della Federazione Ciclistica Italiana, Renato di Rocco.

Un’occasione in cui entrambi i Presidenti hanno ribadito la vicinanza tra i due sport e la presenza di molti elementi comuni e di tanti appassionati che praticano sia il ciclismo che il motociclismo. A conclusione della mattinata Sesti e di Rocco si sono scambiati le maglie delle rispettive squadre nazionali, un gesto simbolico che ha evidenziato come lo sport, grazie ai suoi valori, è una forza che unisce.

Durante l’incontro il Presidente Paolo Sesti ha dichiarato: “La bicicletta è la base per andare in moto e il passaggio dalle due ruote a pedali a quelle a motore è spesso molto naturale; inoltre chi pratica attività sportiva si allena sempre di più con la bici. Come FMI, collaboriamo con i Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’Interno e dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per sviluppare i nostri progetti di Educazione Stradale. Questi sono rivolti ai giovani, in molti casi si svolgono in bicicletta e fanno registrare numeri importanti che ci danno un buon ritorno di immagine. Inoltre proprio i nostri Formatori di Educazione Stradale sono spesso chiamati ad addestrare i funzionari del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti oltreché della Motorizzazione Civile”.

Dal canto suo il Presidente Renato di Rocco ha commentato che: “Con la FMI è sempre esistito un rapporto di collaborazione molto attivo, in quanto le nostre sono Federazioni che si occupano degli utenti deboli della strada. Anche noi sviluppiamo progetti di Educazione Stradale in collaborazione con il Ministero dell’Interno, delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Istruzione per sensibilizzare i bambini. La bicicletta inoltre è propedeutica al ciclomotore e, come detto dal Presidente Sesti, spesso chi la utilizza è anche, o diventa, un motociclista”.