11 dicembre 2016

Roma – San Saba, il 14 maggio visita guidata

Trovasi sulla’altra sommità dell’Aventino quello cosidetto il Piccolo, la chiesa, basilica o monastero di San Saba quasi nascosta alla città, ha sotto le sue rovine le tracce della sua millenaria storia.

Ritenuti un tempo, i resti antichi, la casa di Silvia madre del papa Gregorio Magno vissuto nel IX secolo, questa abitava nei pressi di Porta San Paolo da come ne parla il biografo del papa Giovanni Diacono.

In realtà questi resti ed in particolare il muro in opus reticulatum e altri reperti sembrano essere più antichi e riferirsi alla caserma della IV corte dei vigili sita in questa zona. L’istituzione di questi posti di guardia, prevalentemente deputati alla prevenzione degli incendi, anche se poi avevano anche il compito di pattugliare il fiume e soccorrere chi vi cadesse all’interno e non solo di notte (a Roma non c’era l’illuminazione) facevano dei giri di ronda illuminando il loro percorso e questa luce poteva essere sfruttata dai cittadini che si erano attardati per tornare a casa. Chi era ricco o benestante non aveva di questi problemi in quanto aveva uno schiavo od un liberto che precedeva il suo cammino illuminandolo con una torcia.

Augusto aveva diviso la città in sette sezioni, ciascuna comprendente due regioni. Ciascuna aveva nel suo organico mille uomini reclutati massimamente tra i liberti e ufficiali dell’esercito.

Da come si sia trasformata da caserma a monastero la storia non ce lo dice, abbiamo notizie frammentate del VII secolo riferite ad un gruppo di monaci scappati dal monastero orientale fondato da S. Saba a Gerusalemme a causa della conquista araba della città.

Viene nominato (il monastero) a metà del VIII secolo quando vi viene imprigionato il falso pappa Costantino (768), per la sua origine il monastero diviene un punto fermo per le missioni diplomatiche tra la chiesa di Roma e l’Oriente.

Leone III (795-816) e GregorioIV (827-844) fecero importanti donazioni tanto che all’epoca il monastero era ritenuto il più importante della città…

La visita guidata si svolgerà sabato 14 maggio con appuntamento alla stazione ferroviaria di Ladispoli alle 8,15 per prendere il treno delle 8,24 > arrivo alla stazione ostiense intorno alle 9,10 > ristoro > partenza per piazza Albania a piedi o per chi vuole attraverso l’autobus > appuntamento per i romani ore 9,40 Pzza Albania angolo via di S. Saba. Costo 6,00 €. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al 320.0374861 entro il 12 maggio.