6 dicembre 2016

Doping, Donati, allenatore Schwarzer: “Il mondo dello sport ha bisogno di qualche positivo per usarlo come puntaspilli”

 

Il Prof. Sandro Donati, allenatore di Alex Schwarzer, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

Dopo quasi quattro anni di squalifica per doping, Schwarzer ha dominato la 50 km al Mondiale di marcia a Roma. “Uno degli schemi cristallizzati del mondo dello sport è quello di una ripartizione tra quelli che praticano il doping e quelli che lo contrastano –ha spiegato Donati-. Ma chi lo pratica non lo dice, quindi sembra che tutti siano contro il doping. Questa storia ha un valore catartico, fa capire che il mondo dello sport ha bisogno ogni tanto di prendere qualche positivo al doping e utilizzarlo come puntaspilli, per dimostrare la propria irreprensibilità. Ma io so che c’è un’area di grigio molto estesa e molti di quelli che puntano il dito semplicemente sono stati fortunati a riuscire a mascherare certe pratiche. Sembrano fatti con lo stampino, dicono che sono per la squalifica a vita. Bisogna intervenire con dei ragionamenti. Dovrebbero rendersi conto che l’atleta non è l’unico personaggio sulla scena e che c’è l’omertà, il favoreggiamento di una serie di personaggi che gli stanno attorno. Allora dovrebbero essere squalificati a vita anche loro per essere coerenti. Questa spietatezza riferita ad un solo soggetto in scena, che poi viene massacrato, non va bene. Non capisco questa inflessibilità unidirezionale. Schwarzer mi ha spiegato per filo e per segno tutta la sua storia, mi ha detto di scegliere il sistema di monitoraggio che più garantiva me. Mi sono affidato al primario di ematologia dell’ospedale di San Giovanni, che ha stabilito dei test a sorpresa. Poi Scharzer ha detto di rinunciare all’ora al giorno in cui poteva essere monitorato, mettendosi a disposizione 24 ore su 24. Schwarzer ha un talento immenso, in precedenza si era allenato molto male, per questo ho rivoluzionato il suo metodo di allenamento. Senza doping lui svetta, è durissimo da battere. In generale però faccio dei distinguo. Se l’atleta è limitato nelle sue possibilità e attraverso il doping ha raggiunto quel quid che gli mancava per vincere, è chiaro che nel momento in cui viene scoperto dopato, non riesce a ritornare a quei livelli senza doping. Nel caso di Schwarzer, in un periodo di depressione si è fatto conquistare da questo demone e ha optato per il doping. E’ un dopato per caso. E’ chiaro che la sua vittoria dà fastidio a molti perché è chiaro a tutti che ormai è un acrobata che si muove senza rete sotto. Inviterò pubblicamente istituti di ricerca italiani e stranieri che volessero verificare, a venire a raccogliere i dati su Schwarzer. Se può diventare motivo di trasparenza garantita, ben venga. Godetevi Schwarzer nelle sue imprese sportive, perché sono vere”.

Fonte: Radio Cusano Campus