26 febbraio 2017

MotoGp, Le Mans 2016: la pagella del Dicos

JORGE LORENZO 10: Pole position,  seconda vittoria stagionale e testa della classifica. Il fine settimana francese per il campione del mondo in carica è perfetto proprio come il suo danzare tra i cordoli di Le Mans. Ora più che mai si comprende perché la Ducati ha scelto di puntare sul suo polso per vincere. Polso che mentre trova uno sponsor munifico (ma  non era in difficoltà perché nessuno più lo voleva?) dimostra che è quello oggi più in forma e dotato di talento e freddezza. Il migliore!

 

VALENTINO ROSSI 4: Quando sali sulla piazza d’onore per demerito e sfortuna altrui, bisogna avere la decenza di non fare gli sboroni. A dire il vero quella bisognerebbe averla sempre, altrimenti si alimenta un meccanismo di perversa mercificazione del tifo, dove non esistono gli appassionati ma solo semplici destinatari di oggetti fluorescenti. Invece il Vale, ex inglese di cittadinanza, cosa fa? Irride con una battuta chi con gli stessi adesivi montati sulla moto gli dà una paga pazzesca. Premesso che quando “spinna” lo pneumatico a Jorge sono due i secondi di distacco e non dieci, ma che necessità c’era di irridere il proprio avversario che anche lui rischia la vita ed è, soprattutto, di gran lunga il più veloce? Un modo furbesco e poco elegante degno dei peggiori biscottifici. In fondo se Lorenzo fosse caduto, avrebbe vinto a mani basse, giusto? A 37 anni, trentasette anni, non ha ancora compreso che certi atteggiamenti alimentano il lato peggiore del tifo. Dalle mie parti si dice “Non sputare in aria che in faccia ti cade”. Rispetto!

 

MAVERICK VINALES 8: Un mix di bravura e fortuna che lo porta a gioire sull’ultimo gradino del podio. Grazie a lui la casa di Hamamatsu ritorna ad occupare le posizioni che contano dopo un digiuno durato otto anni. Bravo!

 

 

DANI PEDROSA 6,5: Le Honda arrancano ed il fantino di Sabadell è il primo pilota dell’ala dorata a tagliare il traguardo. Dani, però, resta ancora il lontano parente di quello del finale di stagione scorso. Forza!

 

YAMAHA: Perfetta.

 

SUZUKI: Bene.

 

HONDA: Malino.

 

DUCATI: Male (A chi lamentava le eccessive attenzioni verso Stoner consiglio di parlare di meno e cadere altrettanto).

 

APRILIA: Due rondini che non fanno primavera (Da loro pretendo di più perché hanno dimostrato d’essere bravissimi).

 

MICHELIN: Un festival delle cadute dove si stona alla grande. Prima che qualcuno si faccia male, non sarebbe meglio cambiare orchestra?

 

PECORE: Cadono il Dovi e Marquez ed indovinate chi urla? Sempre loro….Così come nessun commento è stato speso da chi ha il dovere di farlo. Se la pensano come loro, basta dirlo invece di far finta d’essere sordi. Che tristezza!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6831 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.