3 dicembre 2016

F4 | Secondo posto e punti ad Adria per Joao Vieira

Podio gara 1, Mauricio Baiz (Kfzteile24 Mucke Motorsport,Tatuus F.4 T014 Abarth #25), Joao Ricardo Vieira Queiroz (Antonelli Motorsport,Tatuus F.4 T014 Abarth #97), Simone Cunati (Vincenzo Sospiri Racing,Tatuus F.4 T014 Abarth #3)

Reduce dai punti conquistati nella gara inaugurale dell’Italian Formula 4 Championship power by Abarth a Misano, sul tracciato di Adria ha conquistato il secondo posto nella prima Qualifying Heats dopo aver firmato il terzo posto in qualifica a soli 76 millesimi dalla pole position.

 

Scattato dalla seconda fila, il pilota dell’Antonelli Motorsport mette sotto pressione Cunati sopravanzandolo al 15esimo giro, chiudendo la corsa al secondo posto, mettendo a segno il primo podio stagionale. Grazie al quarto posto conquistato nella seconda manche, Joao entra conquista la Finale, salutando il secondo appuntamento con la quarta piazza, dopo aver lottato a lungo per la seconda posizione. Grazie ai 42 punti conquistati, Joao vola al quinto posto in classifica generale.

 

E’ stato un week-end sicuramente positivo col secondo posto in gara-1. Purtroppo continuano i problemi al motore e, anche qui, regalavamo parecchio nonostante i brevi rettilinei. Dovrò continuare a puntare tutto sulle qualifiche per partire il più avanti possibile, provando a difendermi in gara, anche se sarà più difficile nei tracciati veloci” commenta Joao Vieira che martedì tornerà in pista per una giornata di test sulla pista di Imola, in preparazione del prossimo appuntamento a fine mese.

 

Il bicchiere è mezzo pieno perché torniamo a casa con un secondo podio e ben 42 punti. Il potenziale di Joao e del team sarebbe certamente più alto, ma ancora una volta non siamo stati supportato dal propulsore. Nei seppur brevi rettilinei di Adria, Joao non riusciva a concludere gli attacchi” commenta il manager Giovanni Minardi

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.