7 dicembre 2016

Mancini: “Fatte cose buone”

Una vittoria per chiudere la stagione al “Meazza”, in vista dell’ultimo match di campionato in trasferta contro il Sassuolo. Roberto Mancini ha parlato di cose buone viste in questa stagione, chiusa dall’Inter al quarto posto che significa entrare direttamente al Group Stage della prossima Europa League: “Se avessimo fatto tutto bene non saremmo arrivati quarti. Probabilmente saremmo più in alto, ma ci sono state cose buone nella stagione, la posizione alla fine è quella che ci meritiamo per aver un po’ buttato via il lavoro fatto nei primi mesi. Ci sono tante cose su cui dobbiamo ancora lavorare”.

“Io non ho chiesto giocatori, ora è difficile dire chi potrebbe arrivare. Siamo molto bravi a criticare ma bisogna vedere anche le cose buone che la squadra ha fatto. Ci vuole tempo e ci vogliono i giocatori giusti per ricostruire”.

Sul futuro e sul mercato: “Quando parleremo con il presidente vedremo. Sta ai giocatori cambiare questa situazione, il non giocare la Champions League. L’Inter sta lavorando bene, ci vogliono tempo e pazienza. Anche oggi c’era tanta gente allo stadio, ringraziamo i tifosi anche di averci supportati nei momenti di difficoltà e speriamo di poter dare loro grandi soddisfazioni il prossimo anno”.

Mister Mancini ha commentato così la posizione di classifica raggiunta dalla squadra: “All’inizio del campionato c’erano 3-4 squadre davanti a noi, secondo i giornalisti. Io pretendo il massimo e quindi non sono contento, perché voglio sempre di più e il 20 di dicembre eravamo in testa. Dobbiamo migliorare la parte tecnica, capire le partite come oggi, non soffrire così nei momenti di difficoltà. Dobbiamo lavorare sotto tutti gli aspetti, non ce n’è uno in particolare. Il divario con la Juventus, non solo nostro ma di tutte le altre squadre, è ampio e quindi noi dobbiamo migliorare per ridurre il gap”.

L’Inter ha costruito molto nel primo tempo, senza tuttavia riuscire a chiudere prima il match: “Nel primo tempo la partita sarebbe dovuta finire 3-0 per noi, le grandi squadre fanno così e poi casomai difendono. Abbiamo sostituito Jovetic e un minuto dopo si è fatto male Mauro, così abbiamo perso un po’ di peso offensivo. Alla fine un po’ di stanchezza e un po’ di timore di non vincere ci può stare. Rispetto all’inizio della stagione in tanti sono migliorati, non solo Mauro ma anche Brozovic, Kondogbia”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5980 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.