2 dicembre 2016

Alex Rins vince nella Moto 2

La sfide della classe intermedia a Le Mans è vinta da Alex Rins, portacolori Paginas Amarillas HP 40, davanti all’ottimo Simone Corsi che porta la sua Speed Up sul secondo gradino del podio. Terza la Kalex di Thomas Luthi, scuderia Garage Plus.

Nella mattinata il più veloce è stato Takaaki Nakagami, Idemtsu Honda Team, che in qualifica ha fatto il settimo tempo ma scatterà come sesto. La griglia di partenza infatti è cambiata rispetto ai tempi del sabato a causa della penalizzazione inflitta a Lorenzo Baldassarri, pilota del Forward Team, retrocesso dalla terza alla settima piazza per un parametro tecnico non regolare. Al primo posto c’è Luthi con Rins e Corsi a chiudere la prima fila.

Tutti i piloti della classe di mezzo hanno optato per la combinazione di mescole media e soft. Buone le condizioni climatiche allo spegnersi del semaforo con lo svizzero numero 12 subito davanti. Si impone al secondo posto Morbidelli mentre Nakagami è terzo, poi Rins e Corsi scattato un po’ in ritardo, ma si rifarà. Dietro Dominique Aegerter di Carxpert Int. e Jonas Foger, team Dynavolt GP che dopo qualche passaggio cade alla curva sei: un fine settimana non dei migliori dopo le belle libere di venerdì per il tedesco, futuro pilota della classe regina.

Al primo giro comanda sempre Luthi seguito da Rins, mentre Corsi risale le posizioni e ora è terzo davanti al connazionale di Estrella Galicia 0,0. Il leader della classifica iridata, Sam Lowes del team Federal Oil Gresini, è nono mentre Baldassarri, partito con la penalità, è saldo in quinta posizione.

Al quarto giro il gruppo si allunga e Rins, dopo un giro veloce sorpassa lo svizzero che risponde e torna primo per poi cedere definitivamente: sarà secondo, poi quarto. Dietro di loro è sfida tra gli italiani per la terza piazza provvisoria con l’attacco deciso di Baldassarri a Morbidelli che si mette dietro a Corsi. I primi cinque allungano sul resto della corsa con 1.150s di vantaggio su Nakagami. Ma è il pilota Speed Up a preparare l’attacco all’autore della pole e lo sorpassa in staccata a fine rettilineo del traguardo, ora è secondo e alla caccia del corridore catalano.

Cade Julian Simon, QMMF Team alla curva 6 quando Johann Zarco, della scuderia Ajo Motorsprt e pilota di casa è ritardato in decima posizione e sale in nona a diciotto giri dalla fine. Cade Alex Marquez, Estrella Galicia 0,0, alla curva 17 va nella ghiaia per la quarta volta in cinque gare.

Le posizioni di vertice non cambiano e, a undici giri dalla fine, Corsi è alla ruota di Rins e sembra studiare l’attacco al pilota Kalex. I due allungano su Baldassarri e Luthi ma lo svizzero strappa centesimi all’italiano e quando mancano dieci giri alla fine lo sorpassa con la più classica e efficace delle manovre. Gara finita invece per il pilota di casa: Zarco cade alla curva 14 e lo stesso accade a Lorenzo Baldassarri quando mancano cinque giri al termine, l’italiano dopo una bella prova francese va lungo alla curva tre, torna in pista ma alla fine sarà diciassettesimo.

Fasi finali della corsa, Nakagami si avvicina a Morbidelli che adesso è quarto ma distante dai oltre 4 secondi dalle posizioni da podio dove non cambia nulla fino alla fine e Rins quando mancano tre giri alla fine allunga il passo per difendere la sua prima posizione. Taglia il traguardo per primo davanti all’italiano che mette la sua Speed Up al secondo posto davanti al pilota svizzero.

Morbidelli, Nakagami e Lowes chiudono le rimanenti posizioni sotto la bandiera a scacchi con il britannico che deve cedere la prima piazza iridata al pilota barcellonese di Paginas Amarillas HP 40.

Con il risultato di oggi, infatti, Rins è il nuovo leader del campionato con 87 punti davanti alle 82 lunghezze di Lowes e a Luthi, terzo con 69 punti.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5920 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.