9 dicembre 2016

Roma – Violenza sessuale, vittime bambine di 5 e 9 anni

Moltissimi i casi di violenza sessuale le cui vittime sono dei minori colpevoli del nulla assoluto ma che si ritrovano a subire atti indegni, senza possibilità alcuna di difendersi e che per paura o vergogna non raccontano  l’accaduto. Più volte gli accusati, i “carnefici”, escludendo quelli sul web, sono stati patrigni, parenti, insegnati di scuola, persone vicine alle vittime che sanno come adescare e trarre in “trappola”. Si inserisce in questo contesto un romano di 45 anni, arrestato dalla polizia con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di due bambine di 9 e 5 anni e di tentata violenza nei confronti di una 15enne.

L’uomo fingendo di essere un insegnante di ginnastica artistica che stava selezionando bambine per uno spettacolo di una festa parrocchiale, avrebbe invitato il padre in una parrocchia e abusato di una bambina nel teatro annesso alla struttura.

Gli agenti della Squadra Mobile del Commissariato Casilino, hanno eseguito la misura cautelare in carcere nei confronti dell’accusato che aveva già scontato una penna a sette anni di reclusione per una condanna definitiva inflitta nel 2008 per gli stessi reati.

A quanto accertato dagli investigatori le modalità di approccio sarebbero sempre le stesse: fingere di essere un fisioterapista o un insegnante di ginnastica artistica per ottenere la fiducia delle minori e poi abusarne.

Venendo a conoscenza sempre più spesso di situazioni simili, viene spontaneo chiedersi quanti, qualora fossero giudicati colpevoli, sarebbero in realtà recuperabili e reinseribili nella società, qual è il limite tra perversione intrinseca  e reato da punire? Ma soprattutto è davvero possibile “correggerli”?

In questo caso la perversione collima inevitabilmente col reato, ma una volta scontata la pena quali saranno le conseguenze?  Basta il carcere o come è successo a Milano il Tribunale deve stabilire l’obbligo di cura per un soggetto condannato per pedofilia che ha già scontato la sua pena? Obbligo di cura che necessita del consenso del paziente in quanto incostituzionale, e se si rifiutasse?

Le domande sono molteplici, forse infinite, non sono altrettante però le risposte purtroppo…