Omicidio Yara, Legale Bossetti: “Hanno fatto uno scempio della famiglia del mio assistito”

In un fermo immagine tratto da un video della polizia il 19 giugno 2014 le fasi del fermo di Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino di Yara Gambirasio. ANSA/ UFFICIO STAMPA POLIZIA +++HO - NO SALES - EDITORIAL USE ONLY - NO ARCHIVE+++

L’Avv. Claudio Salvagni, legale di Massimo Bossetti (in carcere per l’omicidio di Yara Gambirasio), è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

In merito alle lettere hard tra Bossetti e un’altra detenuta. “E’ stato fatto scempio di Bossetti e della sua famiglia. Ricordiamoci che ha 3 figli minorenni. E’ stata dimenticata la presunzione d’innocenza sancita dalla nostra Costituzione. Ci voleva molto più rispetto nei confronti di Bossetti. La sua vita è stata stravolta e, anche qualora venisse assolto, non potrà mai più essere come quella precedente. E’ stata stravolta anche la vita di tutta la sua famiglia. Stigmatizzo e condanno la pubblicazione di questa corrispondenza privata. Si è voluto mettere l’occhio nel buco della serratura per andare a vedere le abitudini e i comportamenti sessuali di Bossetti che vanno contestualizzati. Bossetti è un uomo che da due anni è in cacere, è stato 4 mesi in isolamento. Chi scrive e chi parla non conosce la situazione carceraria italiana. Una parola di una persona ti offre amicizia e complicità, in quella situazione estrema, in molti farebbero fatica a non accoglierla. Purtroppo anche questo fatto è stato strumentalizzato. Questa è l’Italia”.

Fonte: Radio Cusano Campus

loading...