Roma – Gasparri Show: “Giachetti si drogava e gli effetti si vedono ancora”

Il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, all'arrivo a Palazzo Grazioli per l'ufficio di presidenza presieduto dal premier Silvio Berlusconi, questo pomeriggio 01 giugno 2011 a Roma. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

 




Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, vicepresidente del Senato, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Gasparri non ha lesinato frecciate nei confronti del leader della Lega, Matteo Salvini: “Mia figlia come tanti giovani ha sempre sempre espresso simpatia per Marchini. Tanti i giovani lo apprezzano, lo vedo come il candidato ideale. All’inizio in tanti dicevamo ‘ma perché non candidiamo Marchini?’ Poi fu solo la Meloni che si dissociò. Anche Salvini fece delle consultazioni in cui vinse Marchini. Il leader della Lega disse che gli andava bene Marchini, chissà perché ha cambiato idea. Comunque quando viene a fare il leader a Roma spero che qualcuno lo accompagni, altrimenti si perde. Mi ricorda gli acquiaoli che vendevano l’acqua in campagna o gli osti che dicono che il vino è buono, si è autoeletto capo. La coalizione di centrodestra non si deve sfasciare, bisogna fare come abbiamo fatto a Milano: Salvini si è scordato di quello che accade a Milano: come mai a Milano ha accettato un candidato sostanzialmente civico, Parisi. Ha accettato l’allargamento della coalizione a un ministro di Renzi, Lupi, e a un compagno di governo della Fornerlo, Passera.  Perché a Roma ha un atteggiamento diverso? Io credo che se Salvini fosse capo del centrodestra rischierebbe di non far vincere il centrodestra, anche se non uso il linguaggio sprezzante che lui sta usando contro Berlusconi. Io a differenza sua non ho intenzione di fare regali alla sinistra, perché se tutti usiamo i toni della rissa, vince la sinistra”

Da Gasparri, poi, un forte plauso a Marchini per le sue dichiarazioni contro la cannabis: “Marchini sulla cannabis? Bravissimo! Ha detto che la cannabis fa male, ha parlato anche di esperienze personali, ha detto cose verissime, io mi batto contro le droghe, sono un esperto di questa materia, antagonista delle droghe. Marchini è stato attaccato dagli assassini travestiti da politici, delinquenti e mascalzoni che vogliono legalizzare la droga. La legalizzazione delle droghe è una scelta suicida, favorirebbe la criminalità, perché avrebbe una massa sterminata di nuovi consumatori che potrebbe indirizzare verso le droghe pesanti, come cocaina, eroina e droghe chimiche. Sono un grande conoscitore della materia. Chi sostiene la legalizzazione delle droghe favorisce la criminalità, fingendo di volerla combattere, è in malafede. Del resto Giachetti non ha mai nascosto di aver fatto uso di droghe, spero che abbia smesso, perché le droghe fanno male, non potremmo avere un sindaco tossicodipendente. Ogni tanto, lo dico col sorriso affinché non si offenda, su Giachetti si vedono ancora gli effetti delle droghe”.

Poi Gasparri ha detto la sua sulle insidie che si nascondono nel mondo dei social, scoprendo in diretta chi sia Diletta Leotta:“Non so chi sia, aspetti che vado a cercarla su google. Come si chiama? Diletta Leotta. Eccola, la sto guardando ora.  E’ molto bella, complimenti, ci sono anche delle foto un po’ osè. E’ pieno di persone su Facebook che le scrivono porcherie? I social network sono un incubatoio di imbecilli. Sono fondamentali, ineliminabili ma sono anche una fogna, purtroppo non si è trovato il modo di cacciare dalla rete quelli che scrivono in modo violento. Ogni tanto ne segnalo qualcuno alla procura, ma la procura non indaga, chissà perché Pignatone non indaga mai su quelli che mi minacciano di morte. Pignatò, sveglia!  Anzi, io dico a Pignatone che andrò a trovarlo la settimana prossima!”

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=8180

Fonte: Radio Cusano Campus