3 dicembre 2016

Anguillara – La sinistra riparte da “Sinistra in comune” e non si presenterà alle prossime elezioni

La sinistra non parteciperà a queste elezioni comunali di Anguillara: è partito un processo di riaggregazione dal basso, con la costituzione del comitato “Sinistra in comune”, che non ha ritenuto utile presentare una propria lista né sostenere con un appoggio esterno altre candidature. Ogni ipotesi di adesione ad un fantomatico centro sinistra è stata da tempo affossata – in Italia e ad Anguillara – dalla volontà chiara del PD di guardare al centro e a destra, adottando politiche , nazionali e locali, rispetto alle quali siamo agli antipodi.

Questa scelta si inserisce all’interno di un nuovo percorso volto a riappropriarci di diritti oramai sotto attacco, conquistati in decenni di lotta ed impegno civile e politico che ha fatto progredire il nostro Paese, dopo la guerra di liberazione e la nascita della Repubblica. Dall’abolizione dell’articolo 18 al piano più complessivo del jobs act viene lesa alla base la stessa dignità di chi lavora; con la legge 107 assistiamo alla flagellazione della scuola pubblica; con la privatizzazione a tutto campo – dei servizi ai cittadini, del demanio e del patrimonio pubblico, dei beni comuni – si vuole trasformare il senso stesso di comunità cittadina e nazionale; e per finire,  con la proposta di modifica della Costituzione, tra l’altro già devastata con l’introduzione del pareggio di bilancio, insieme alla legge elettorale si prefigura uno Stato centralista, con il potere sempre più nelle mani di pochi e con i cittadini sempre più privati degli elementari diritti di partecipazione alle decisioni.

Non presentiamo una nostra lista di sinistra, ma saremo presenti durante la campagna elettorale, con le nostre proposte, le nostre sollecitazioni sugli obiettivi che riteniamo prioritari, le nostre “sfide programmatiche” a tutti i candidati in lizza, nessuno escluso a cominciare da quelli del PD

Vogliamo e dobbiamo costruire l’alternativa a questo Partito Democratico e al sedicente centro sinistra, alla logica dell’uomo solo al comando e della corte che lo circonda, che si esprime allo stesso modo sia a livello nazionale che a livello locale, nelle regioni e nei comuni.

Con questo proponiamo, come già fatto per il referendum sulle trivelle, un nuovo modo di “stare a sinistra” rispetto all’elemento caratterizzante di quest’ultimo periodo costituito dal profondo cambiamento della natura stessa del partito Democratico che, con la costruzione più o meno evidente del Partito della Nazione,  ha assunto principi e obiettivi della politica berlusconiana spostandosi nettamente a destra.

Noi come comitato intendiamo occupare uno spazio politico molto vasto, a cui possono fare riferimento tantissime persone che si sono allontanate, o che si rifugiano nel voto di protesta, o che continuano a sostenere il PD tappandosi il naso, la bocca e le orecchie perché privi di una alternativa valida; e vogliamo farlo con contenuti di “sinistra”.

A livello locale nulla cambia rispetto al passato: la situazione rimane identica, si presentano alle elezioni i soliti noti, portatori di interessi particolari e dei gruppi di potere economico che dettano legge da decenni a scapito degli interessi della collettività. E ciò è del tutto funzionale alla gestione della variante al PRG prossima alla approvazione definitiva in Consiglio Comunale dopo il via dato dalla Regione: si ripropone il gioco di potere tra le diverse anime trasversali dei diversi schieramenti pronti a “dividersi la torta”.

In questa ottica il PD locale non indica alcuna discontinuità con la giunta uscente, che si presenta con un bilancio fallimentare, fra decisioni non prese – tantissime – e decisioni in contrasto con quanto veniva detto di voler fare;  la destra si presenta con le solite sfaccettature demagogiche e personalistiche, e con personaggi che già hanno dato ampia prova di quanto siano attenti agli interessi collettivi, ringalluzziti dalle “prospettive economiche” offerte dal Piano regolatore; lo stesso M5S non convince sul piano dei contenuti e sulla capacità di amministrare. Facce della stessa medaglia che si contenderanno poltrone a cui noi, come Comitato, non intendiamo partecipare. Le nostre priorità sono ALTRE.

Invitiamo tutti coloro che sentono la necessità del rilancio dei valori di sinistra a partecipare alle prossime iniziative del comitato, dal dibattito sul futuro di Anguillara alla raccolta firme per l’indizione di nuovi referendum, già partita in tutta italia, alla campagna contro la riforma costituzionale che dovrà essere approvata o respinta con il referendum del prossimo Ottobre .

Vi aspettiamo sabato 21 maggio, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19, a piazza del Molo (Anguillara) per la raccolta firme a favore dei “referendum sociali.

Per rimanere aggiornati sulle prossime iniziative visitate la nostra pagina facebook: https://www.facebook.com/groups/183361895381432/

[/su_quote

Comitato Sinistra in comune – Lago di Bracciano

About Ruggero Terlizzi 2863 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it