10 dicembre 2016

Quattro chiacchiere con Massimo Cervo

Da oltre trent’anni Massimo Cervo è impegnato professionalmente nel mondo della vendita delle due ruote a Napoli. Una carriera iniziata subito dopo il diploma, quando ha iniziato frequentare le officine dello zio.

 

 

Oggi è il responsabile commerciale della concessionaria Honda ufficiale All Roads: “L’interesse per le moto – racconta Cervo – è sempre stato presente nella mia famiglia. Già all’inizio degli anni Venti mio nonno aveva una officina. Con una moto  M.M., nel 1924, vinse una gara sul Circuito di Via Caracciolo. Nel 1953, per incrementare l’attività, decise di acquistare alcuni Mosquito e Cucciolo per noleggiarli. La cosa andò bene. Un mio zio, poi, nel 1954 emigrò a Caracas, capitale del Venezuela, dove aprì due officine. Tutto ciò dimostra che la passione per le moto è nel DNA della famiglia Cervo. I marchi che ho trattato nel corso della carriera sono Piaggio, Aprilia, Suzuki, Ducati, Yamaha e Honda. Ricordo quando la Suzuki, nel 1984, lanciò sul mercato la splendida Gsx-R, dalle carenature avvolgenti. L’anno dopo la Honda rispose con la Vfr, modello capace di unire la sportività al turismo. Se faccio un resoconto degli anni lavorativi, dico che oggi per poter allestire una concessionaria in grado di interpretare al meglio le esigenze degli appassionati e vincere le sfide del mercato, occorre disporre di un personale addetto alle vendite dotato di affidabilità serietà, competenze e buone capacità relazionali. Solo così si potranno consigliare i motociclisti più dubbiosi e implementare le vendite. Ho sempre svolto il mio lavoro con impegno, passione, costanza e professionalità, sottraendo spesso anche del tempo alla famiglia. Spero che la crisi economica in Italia sia quanto prima possibile solo un brutto ricordo, in modo da poter gratificare anche coloro che svolgono la mia professione”.

Cervo racconta come è cambiato il mercato in questi trent’anni, con un occhio a quello partenopeo: “Il mercato – dice – delle moto è in continua evoluzione, in quanto nel tempo cambiano i gusti, condizionati dalle stesse case costruttrici. Spesso il mercato muta anche perché sopraggiungono diverse problematiche legate alla mancanza di lavoro o al rispetto dell’ambiente. L’immagine, l’apparire giocano ancora un ruolo fondamentale. Negli ultimi anni, il mercato dell’usato ha tirato molto, mentre da due anni anche quello del nuovo ha iniziato a correre. All’ombra del Vesuvio la cultura motociclistica è in ripresa e sono sempre meno coloro che non rispettano il Codice della Strada. Sono favorevole alla educazione alla guida sicura dei giovani a partire già dalle scuole superiori di primo grado. Se si investe sui probabili futuri motociclisti avremo meno incidenti, minori costi per la collettività e città più vivibili ed allegre”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5991 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.