Voucher: interrogazione Sinistra Italiana

«Siamo contrari all’abolizione dei voucher ma disponibili a discutere di eventuali forme migliorative. Onestà intellettuale vuole che la nostra non sia una posizione di chiusura, siamo pronti al dialogo. Alcuni dati da lei citati sono reali, altri discutibili». Così il premier Matteo Renzi, nel corso del question time alla Camera, rispondendo a un’interrogazione di Sinistra italiana-Sel. Secondo Renzi «non c’è governo negli ultimi anni che abbia combattuto il precariato più del nostro». Il premier ha citato, come esempio, «le assunzioni nella scuola e il Jobs act».




Sinistra Italiana con il capogurppo alla Camera Arturo Scotto ha replicato: «Renzi non ci ha convinto i voucher vanno aboliti, non modificati. La questione morale di questo Paese si chiama lavoro povero, un vero e proprio caporalato del XXI secolo che vale 7 euro e 50 l’ora, meno di due pacchetti di sigarette. Soltanto che noi parliamo della vita dei giovani che in questo Paese sbattono la testa ogni giorno per non morire di depressione. Occorre un piano straordinario per il lavoro, non incentivi a pioggia».

«Persino i numeri snocciolati da Renzi sul Jobs Act, ha proseguito  il capogruppo di SI, sono una goccia nel mare di un precariato gigantesco e parlano in ogni caso ad una generazione tra i 40 e i 50 mentre ai giovani e alle donne niente, neanche le tutele crescenti. Come dimostrano i dati».

«Se Renzi fosse un vero rottamatore, continua Scotto, abolirebbe i voucher e direbbe a quelle imprese che ne abusano “da domani e’ vietato”, altro che tracciabilita’, e magari ritirerebbe loro gli incentivi. A proposito di tracciabilità: nel 2015 sono scomparsi 30 milioni di voucher, probabilmente sottratti al fisco. Secondo l’Istat non si sa che fine abbiano fatto. È del tutto evidente che il Jobs Act ha favorito in maniera patologica l’utilizzo dei voucher, utilizzo che doveva essere riservato ad una fetta residuale di lavoro. La regola piuttosto che l’eccezione. Il messaggio è chiaro: tutti licenziabili. Come la favola che raccontate da venti anni: meno diritti e bassi salari equivalgono a più crescita. Falso, roba da apprendisti stregoni. Basta guardare il tasso di occupazione che è arrivato al 56,7%, peggio dell’Italia solo Croazia e Grecia. Con numeri che riguardano il sud e le donne che ci mettono in diretta competizione con lo Zimbabwe e la Sierra Leone. Purtroppo Renzi preferisce la propaganda alla realtà», ha concluso Scotto.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8677 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.